Rino è infermiere e scrittore, ogni volta che si ferma nasce una storia

Alveare. "Greta Thunberg". La rubrica di Rino Negrogno

Sicuramente il bambino di Andersen che urló: “il re è nudo” era manipolato e avrebbe fatto meglio a vivere la sua età

Attualità
Trani venerdì 27 settembre 2019
di La Redazione
Fridays For Future, i ragazzi in sciopero dinanzi al Comune
Fridays For Future, i ragazzi in sciopero dinanzi al Comune © Tranilive.it

Greta Thunberg, attivista svedese di soli sedici anni, già candidata al Premio Nobel per la pace, ha accusato capi di stato e imprenditori ritenendoli colpevoli della grave situazione climatica e soprattutto per la loro inerzia di fronte all'impegno che dovrebbe portare alla salvaguardia del pianeta malato di riscaldamento globale.

Ma, come sempre, il dito indica il riscaldamento del pianeta e lo stolto guarda Greta.

Lo stolto si chiede se le lacrime siano vere o simulate, se sia o non sia manipolata, se ci guadagni qualcosa da tutto questo clamore, eccetera.

Secondo me, il vero problema sta nel nostro sentirci disorientati di fronte a una ragazzina che non ascolta Sfera e Basta, non si ubriaca, non gioca a Fortnite e non vuole andare al Grande Fratello. Noi, che se abbiamo la fortuna di avere un figlio che prende ottimi voti a scuola e suona il flauto durante l’ora di musica, impestiamo Facebook di foto del nostro rampollo mentre ci delizia con stridule armonie, restiamo basiti di fronte all’impegno di Greta che sa il fatto suo e vuole rendercene partecipi, se non altro perché il fatto suo, riguarda anche noi e quei nostri figli.

Non è che siamo invidiosi di Greta?

Ma chi è questa gretina? Sentiamo dire da più parti. E sono gli stessi che si lamentano perché i giovani d’oggi non hanno più valori, si ubriacano, fumano e sono violenti. Salvo poi chiamare gretina una che qualche valore ce l’ha, non veste come una velina e con il suo piccolo dito vuole indicare la luna.

Sicuramente il bambino di Andersen che urló: “il re è nudo” era manipolato e avrebbe fatto meglio a vivere la sua età

Alveare 2017

1 Ernesto Che Guevara - 2 Al capezzale dei vecchi - 3 La visita medica - 4 Il sindaco è come il pesce - 5 L'incidente dell'ambulanza - 6 Le nonne che giocavano a tombola - 7 Vi racconto il mio primo appuntamento al buio con una donna - 8 Barresi-Bottaro: che brutta storia - 9 Lei è un medico? Una donna? - 10 Quello strano fascista di Pinuccio Tarantini - 11 Rossella è andata via da Trani - 12 Disabili vs. normodotati. Volete sapere chi ha vinto? - 13 Ciao Ivan, compagno di liceo - 14 Lettera di Gesù Bambino - 15 Non sparate a Capodanno

Alveare 2018

1 Il problema etico di Giuseppe Tarantini - 2 Il Pronto Soccorso - 3 Il corte di Acca Larentia - 4 La razza del mio cane - 5 Alfredo Albanese - 6 Quale giorno della memoria? - 7 Sai già a chi votare? - 8 Caro Michele - 9 Sanremo senza Facebook - 10 Una campagna elettorale monotona - 11 Cara, brumosa, desolata periferia - 12 La favola di Sfortunina - 13 Gli occhi di Marilena - 14 Il furto al centro trasfusionale - 15 Attaccatevi al tram - 16 Nicola, novantasei anni. Colto da malore - 17 La stiratrice Isoardi - 18 Violenza contro anziani e lavoro sottopagato delle badanti - 19 Così festeggiate la Liberazione? - 20 Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono - 21 Don Dino, il sacerdote di quartiere - 22 L'arrivo di Emiliano - 23 Un vaccino per la solidarietà - 24 L'uomo nudo con le mani in tasca - 25 Doppio senso di marcia sul lungomare - 26 Ma siamo uomini o caporali? - 27 Cronaca di una serata di anormalità - 28 Il passaggio a livello è chiuso - 29 Gli zingari mettono sempre d'accordo tutti - 30 Papà, e se ti infilza? - 31 Il razzismo ve lo spiego con la mitologia - 32 Tra qualche giorno nei porti approderanno i Santi - 33 La pistola ad aria compressa - 34 Il razzismo è vita e i preti tutti pedofili 35 - Il pomodoro e il sangue - 36 Non essere stupido - 37 Le polpette avvelenate di ignoranza - 38 Finalmente potrò andare a messa la domenica - 39 Ho commesso atti impuri - 40 Cara Cecilia di Lernia - 41 Aggredito il 118 - 42 L'ignoranza allontana, l'arte avvicina - 43 Chi sono io per giudicare? - 44 Il sindaco di Riace, la sindaca di Lodi e la sorella di Cucchi - 45 I soccorritori della Misericordia di Andria - 46 Ascoltiamo i bambini - 46 Nicola Landriscina, i suoi primi 40 anni - 47 A proposito di Silvia Romano che se l'è cercata - 48 Il carabiniere, Felice Di Lernia, Amedeo Bottaro e Stefano Cucchi - 49 Ehy tipa, vieni in camera con me! Portati un'amica - 50 La medicina narrativa di Maurizio Turturro e Guevara - 51 Ho finito il presepe

Alveare 2019

1 Sono felice anch'io - 2 Cesare Battisti - 3 Mi dispiace per il magistrato arrestato - 4 Francesco non era morto - 5 Il Giorno della Memoria. E gli altri morti? I morti vostri 6 Scendi il cane? Bazzecole, a noi non c'interessa dell'Accademia della Crusca 7 Nunzio aveva scritto un libro - 8 Il filosofo Simeone - 9 Il girone dei dannati - 10 Buona festa per cosa - 11 Non serve combattere il razzismo - 12 Le mani di mia sorella - 13 La poesia e il cibo di Verrigni
- 14 La balestra - 15 Il parcheggio dell'ospedale - 16 Perdonatemi e permettetemi un po' di autocelebrazione - 17 Salvini, pochi libri - 18 La capocciata - 19 La pizza del futuro è cotta al sangue - 20 La sindachite - 21 "Pescaria, Salto dell’acciuga, tavoli di plastica sulla spiaggia libera e Ceralacca" - 22 Stanco delle nostre discussioni da bar su Carola ho interpellato il professore - 23 I biscegliesi sono preoccupati per l'ospedale - 24 L'albero segato - 25 L'ambulanza per Tomasicchio - 26 Perchè non piace la festa dei popoli? - 27 Samara e la noia. Anche a Trani - 28 La salsa - 29 Non insegnate ai bambini - 30 Un caffè per la vita - 31 L'aiuto al suicidio

Altri articoli

Odierei gli indifferenti - L'albero segato - Riscoprire i giochi antichi - Ambulanze senza medico - Reddito di cittadinanza.

Per acquistare i libri di Rino Negrogno

Il Miracolo - Codice Rosso - Controra - Interludio

Visita il sito di Rino Negrogno

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 28 settembre 2019 alle 19:31 :

    Purtroppo ascoltando le dichiarazioni rese dai giovani partecipanti alla manifestazione di venerdì ci siamo resi conto del vuoto culturale e mentale di questi ragazzi, che non può essere coperto dall'ecologismo alimentato da un catastrofismo fantascientifico. Rispondi a Franco

    Marco ha scritto il 30 settembre 2019 alle 10:09 :

    La cosa peggiore è che dopo averli resi gretini con una campagna asfissiante ora vorrebbero pure dare il voto ai 16enni. Per riprendersi un po' dalle ultime batoste elettorali ad opera degli adulti. Rispondi a Marco

  • Vincenzo Fava ha scritto il 27 settembre 2019 alle 20:32 :

    La grande tristezza e che oggi una bambina ci faccia parlare di futuro è di ambiente mentre tanti scienziati che da anni hanno gridato al mondo il pericolo a cui stiamo andando incontro siano stati inascoltati soprattutto dai politici. Rispondi a Vincenzo Fava

  • Franco ha scritto il 27 settembre 2019 alle 17:31 :

    Caro Rino, qualcuno si è messo in testa di far rivivere ai giovani di oggi un nuovo '68 globale, in nome dell'ecologismo venato di catastrofismo. Ma questa volta si spera che i giovani saranno più scaltri e si accorgano dei giochetti politici ed economici alla base di tutto il teatrino, frutto dell'economia green che vuole solo costringerci a comprare auto elettriche. Rispondi a Franco