L'appuntamento con i volti e le storie dei tranesi "emigrati"

HumansfromTrani. #3 Valerio: «Trani è casa ma il mio Paese non garantisce le condizioni dell'Uk»

Se volete segnalarci persone da intervistare e contattare scriveteci sulla nostra pagina Facebook o alla nostra mail: redazione@tranilive.it

Attualità
Trani domenica 19 novembre 2017
di La Redazione
Valerio (a destra) durante un'esercitazione
Valerio (a destra) durante un'esercitazione © TraniLive.it

#3 Valerio

La paura più grande quando hai lasciato Trani per la prima volta?

Quando ho lasciato Trani per la prima volta l'unico timore era di non trovarmi bene o avere difficoltà ad adattarmi in una nazione diversa.

Cosa ti rende felice lì dove sei e cosa ti rende felice quando torni qui?

In Inghilterra faccio l'infermiere e sono soddisfatto delle migliori condizioni di lavoro, con diritti garantiti (ferie, pensione, training e supporto dal datore di lavoro, specializzazione e carriera) che vedo negati a tanti dei miei colleghi in Italia. Quando torno a Trani, invece, sono felice perché sono a casa.

Cosa ti manca di più e cosa ami del luogo in cui ti trovi?

Di Trani mi manca la bellezza della città e del mare e lo stile di vita tranquillo ma non noioso. Il luogo in cui mi trovo, Slough in Inghilterra, non si puó certo dire ameno ma è pieno di possibilità lavorative ed è vicino Londra che è una metropoli molto affascinante per me.

Cosa pensi di poter dire a chi sta per lasciare Trani?

A chi sta per lasciare Trani consiglierei di scegliere bene la meta per primo e di prepararsi ad una cultura diversa in anticipo, per esempio soggiornando per un periodo di tempo nella propria destinazione o leggendo giornali locali.

Cosa potrebbe spingerti a tornare?

Sarei spinto a tornare se avessi la certezza di simili condizioni lavorative in Italia come nel Regno Unito, con abbondanza di offerte lavorative, datori di lavoro competenti e promotori di eccellenza nel loro campo e sviluppo professionale.

Che idea ti sei fatto della tua città d'origine, ora che sei lontano?

L'idea che ho di Trani ora che sono lontano è che come la propria città di origine e di una vita non c'è nulla ma è sempre bello ritornarci.

Valerio Distaso è un infermiere, ha 28 anni. Presta servizio presso il Wexham Park Hospital, a pochi chilometri da Londra


HumansFromTrani - Il futuro passa anche da chi ha lasciato questa terra. Per poco, per molto, per sempre. Da chi tornerà con competenze diverse, da chi la guarderà da lontano ma saprà sempre da dove è partito. Sulla scorta del progetto famoso in tutto il mondo, HumansOfNewYork, e anticipando la pagina "People from Trani" di Wikipedia abbiamo posto 6 domande (sempre le stesse) a decine di tranesi emigrati nei luoghi più disparati. Se volete segnalarci persone da intervistare e contattare scriveteci su Facebook o alla nostra mail: redazione@tranilive.it

Le altre storie

Vittorio - Nicla

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette