Intervista al Team Manager della Vigor Trani

Vigor Trani, Didonna: "Squadra da rifondare ma ci faremo trovare pronti"

Abbiamo intervistato il team manager circa l'attuale situazione societaria, campo da gioco e rapporto coi tifosi

Calcio
Trani giovedì 22 luglio 2021
di Fabio Pengo
Vigor Trani
Vigor Trani © Antonio Pedone

La Vigor Trani, associazione sportiva dilettantistica di calcio, riparte da un manipolo di calciatori confermati per costruire il prossimo campionato di Eccellenza, in partenza il 12 settembre. Lo scorso campionato la società era riuscita a raggiungere il quarto posto in classifica e la possibilità di giocare i play off. Giornata dopo giornata da una rosa iniziale di 26 giocatori all’ultima giornata se ne contavano appena 12, cosa che portò la squadra a chiudere all'ottavo posto.

Ai nostri microfoni Francesco Didonna, team manager della società, ci ha illustrato l’attuale situazione della società. ‘’La società non cambierà denominazione per il prossimo campionato, voglio iniziare smentendo alcune voci che circolavano’’ ha esordito il dirigente ‘’Per quanto riguarda il campo di gioco, che verrà utilizzato per allenamenti e gare ufficiali, al 99% è confermato il terreno di gioco di Enziteto. Non penso che si possa tornare al Comunale per diversi motivi: il campo è attualmente occupato dalla Apulia Trani che ha la precedenza su di noi e l’attuale gestione ha il contratto in scadenza a giorni. Oltretutto era il peggiore manto erboso della categoria”.

Entro fine settimana, così come confermato da un post sulla pagina Facebook della Vigor, il presidente Lanza si esprimerà su allenatore - attualmente sulla panchina siede mister Sisto - e il preparatore dei portieri. Il team manager, ruolo coperto da Didonna, e il preparatore atletico, salvo svolte dell’ultimo minuto, dovrebbero essere riconfermati. Situazione leggermente diversa per la rosa. “Siamo partiti con 26 giocatori e abbiamo giocato l’ultima di campionato, a Vieste, con appena 12 del blocco iniziale. Ora ne sono rimasti 5-6, toccherà all’allenatore rifondare tutto. Ci affideremo a giocatori molto giovani, affiancati da altri che magari hanno la voglia di riscattare l’amarezza della scorsa stagione. Non abbiamo pretese ma non vogliamo neanche limitarci a lottare per non retrocedere”. Ancora nessun piano preciso per il momento. Bisogna sciogliere il nodo allenatore prima di iniziare la preparazione, prevista per la prima metà di agosto.

Questione societaria e tecnica a parte, abbiamo chiesto a Didonna di spendere qualche parola in merito al tifo organizzato. “Non lo abbiamo mai avuto in pianta stabile. E’ stato presente per un po’, ad inizio campionato, poi le cose si sono andate spegnendo. Siamo stati criticati per alcuni comportamenti del presidente e dei nostri tesserati e siamo stati costretti ad andare via da Trani. Ci farebbe piacere che qualcuno si avvicinasse ma, fino a poco tempo fa, abbiamo avuto interlocutori un po’ cattivelli. In ogni caso andremo avanti per i fatti nostri".

 

Lascia il tuo commento
commenti