Calcio
La frase che dà il nome al libro fu urlata da Gigi Simoni, storico allenatore dell'Inter 97-98, durante la partita di Piacenza, in cui Moriero sembrava intestardirsi nelle giocate individuali