Una piccola boccata di sport

​Riapre “La Gabbia”: il playground torna ad ospitare i cestisti (uno per volta)

L'accesso sarà consentito a partire da oggi in due fasce orarie, sia individualmente che a gruppi di familiari conviventi, su prenotazione

Basket
Trani mercoledì 25 novembre 2020
di La Redazione
Playground  La Gabbia  - Canestro
Playground La Gabbia - Canestro © n.c.

Chiuso lo scorso 13 ottobre per via dello stop agli sport di contatto amatoriali, il playground “La Gabbia” di via Gisotti riapre la porta ai cestisti a partire da quest’oggi. Nel rispetto delle misure restrittive vigenti, gli appassionati potranno tornare a tirare a canestro seppur individualmente o con il proprio nucleo familiare formato da conviventi. Una boccata di sport che sarà possibile esclusivamente nelle fasce orarie tra le ore 9 e le ore 13, di mattina, e le ore 16 e le ore 18, di pomeriggio. Alle ore 17:55 il campo dovrà essere chiuso, nel rispetto dell’ordinanza sindacale per cui si fa divieto di assembramento in determinate zone della città fra cui rientra anche la via del playground. Si rende necessaria la prenotazione del proprio turno tramite la piattaforma www.lagabbia.wansport.com, sì da garantire un ordinato accesso contingentato alla struttura.

L’Associazione Turenum Pro Loco, che dal 2018 ha preso in custodia e ridato vita a “La Gabbia”, fa sapere che in molti hanno già preso informazioni per potersi presto recare in via Gisotti e tornare a palleggiare con l’amata sfera a spicchi. Certo non si può ancora permettere la competizione fra più giocatori, secondo le restrizioni vigenti, ma dopo oltre quaranta giorni di chiusura e considerato lo stop alle attività delle società di basket, il playground può essere un vero toccasana per i cestisti.

Il primo lockdown era stato superato con una parziale riapertura del playground per due persone alla volta a partire dallo scorso 21 maggio, seguita il 27 giugno da un’apertura a pieno regime protratta fino alla chiusura del 13 ottobre. La speranza è che la situazione possa tornare nel più breve tempo possibile quella che si è vissuta questa estate, nel rispetto dell’ambiente e di una sana convivenza fra sportivi, tutti sotto canestro. Infine, si ricorda che è possibile donare il proprio contributo all’associazione per la raccolta fondi utile alla realizzazione di ulteriori opere di migliorie della struttura quali l’illuminazione interna autonoma, una tribuna esterna ed un box per attrezzi.

Lascia il tuo commento
commenti