La nota

"Commissione Segre", Carmela Minuto: «In Senato mi sono astenuta perché volevo di più»

La senatrice di FI spiega le sue ragioni dopo il voto per istituire la commissione che avrà il compito di combattere odio e antisemitismo: «Non si può e non si deve giustificare l’antisemitismo di sinistra o quello di destra»

Politica
Trani mercoledì 06 novembre 2019
di La Redazione
Carmela Minuto al Senato
Carmela Minuto al Senato © n.c.

«La stima che ripongo nei confronti di Liliana Segre è indiscutibile, come fuori discussione è la questione dell’antisemitismo che ritengo sia un valore irrinunciabile. Sono stata con i miei figli a visitare Auschwitz e ho insegnato loro il rispetto e la lealtà». Comincia così una nota firmata dalla senatrice di Forza Italia Carmela Minuto sulla vicenda della commissione parlamentare che avrà il compito di combattere l'antisemitismo e l'odio razziale, proposta da Liliana Segre superstite dell'Olocausto.

«Le varie forme di persecuzione - prosegue Minuto - o addirittura di mania collettiva di sterminio da una base propagandistica, dovuta a degenerazione di pseudoconcetti storico-religiosi le condanno, senza sé e senza ma! Ed è proprio per tale ragione che ero e sono d’accordo con chi voleva che fossero censurati tutti i comportamenti antisemiti. Perché tale valore non può e non deve essere messo in discussione da nessuno e da nessuna idea politica. In senato mi sono astenuta proprio perché volevo di più: non si può e non si deve giustificare l’antisemitismo di sinistra o quello di destra. La mozione del centrodestra che sostenevo andava in quella direzione! Dopo la bocciatura in Senato della stessa mozione, non fidandoci del PD, e non di Liliana Segre, abbiamo deciso di astenerci».

«Oltretutto - conclude la senatrice molfettese -, mi permetto di far notare che i reati di opinione sono già sanzionati dal nostro codice penale come, nello specifico, nel caso di chi nega il fenomeno storico della Shoah. In Senato, nel cuore pulsante della nostra democrazia, non deve essere messo in discussione un valore imprescindibile. E sullo stesso valore nessun partito, sia di destra che di sinistra, deve fare “business politico” che istiga chi odia ad odiare ancora di più. Ritengo che oggi, se vogliamo frenare l'odio, soprattutto quello che si genera online – basta leggere i commenti rivolti alla mia persona sotto la nota odierna dei Giovani Democratici - dobbiamo iniziare a guardare la società, dobbiamo investire tutti e di più nelle agenzie educative dove si coltiva la cultura e il rispetto reciproco. I “leoni” da tastiera, o meglio le “pecorelle” smarrite, comincino col mettere uno stop alla loro presunta sapienza edulcorata con commenti vergognosi»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Umberto Galassi ha scritto il 07 novembre 2019 alle 02:21 :

    Spero che un giorno qualcuno mi spieghera' l'antisemitismo di destra e quello di sinistra. Rispondi a Umberto Galassi

    Marco ha scritto il 07 novembre 2019 alle 09:24 :

    Spero che un giorno qualcuno mi spieghi l'antisemitismo. Voglio spiegarlo ai Palestinesi. Rispondi a Marco