Il confronto

Integrazione culturale e sociale: prima con il console di Romania e a settembre con Valeriu Nicolae

Un vivace incontro sul tema dell'integrazione sociale e un confronto sugli stili di vita della comunità rumena che continuerà anche durante I Dialoghi di Trani durante l'incontro La mia esagerata famiglia Rom

Cultura
Trani lunedì 12 agosto 2019
di Ottavia Digiaro
I Dialoghi di Trani - XVIII edizione
I Dialoghi di Trani - XVIII edizione © n.c.

Oggi come ieri si ha ancora paura del nuovo, per questo la necessità di far conoscere il nuovo attraverso laboratori di cucina e di moda. La cultura è passata da essere statica a essere dinamica”. Sono le parole di Lucretia Tanase, console generale di Romania a Bari in visita lo scorso 31 luglio con una delegazione di rappresentanti della chiesa ortodossa a Trani, per partecipare ad un incontro incentrato sulle modalità con cui le autorità italiane preservano le diverse culture e tradizioni sui rispettivi territori.

Accolto presso Palazzo delle Arti Beltrani, il console ha sottolineato come l'aver accettato l'incontro con un rappresentante di una nazione diversa, è già un primo passo verso l'integrazione. “Serve il dialogo, ma soprattutto i fatti concreti”.

All’incontro hanno partecipato anche la psicologa Roberta Massimini e Mario Schiralli, storico e giornalista. Ad accogliere il console, il sindaco della città, Amedeo Bottaro, l’assessore Domenico Briguglio e l’assessore Michele di Gregorio. Un vivace incontro sul tema dell'integrazione sociale e un confronto sugli stili di vita della comunità rumena e della comunità tranese, da sempre crocevia di popoli e di scambi culturali, economici e politici.

La nostra città – sottolinea il sindaco Amedeo Bottaro – ha sempre un forte senso dell'integrazione. Non dimentichiamoci che in città convivono diverse culture religiose: la comunità ebraica con la loro sinagoga, gli ortodossi con la chiesa di San Martino, la nostra comunità con la Cattedrale e la Curia Arcivescovile che rappresenta il massimo per la religione cattolica”.

Il tema dell'integrazione sociale, molto caro alla città di Trani, sarà ripreso durante la XVIII edizione de I Dialoghi di Trani che quest'anno ha come tema Responsabilità. In particolare, se ne parlerà durante l'incontro organizzato in collaborazione con l'Accademia di Romania La mia esagerata famiglia Rom che si terrà mercoledì 18 settembre. La giornalista Claudia Bruno, infatti, intervisterà Valeriu Nicolae, rom romeno, attivista per i diritti umani e fondatore de Policy center for roma and minorities, che gestisce a Bucarest una scuola pomeridiana per bambini in difficoltà e autore del libro La mia esagerata famiglia Rom.

L'impegno di Nicolae testimoniato nel suo libro e nella sua attività esprime il senso di responsabilità e si inserisce perfettamente nella riflessione che I Dialoghi di Trani vogliono intraprendere con i tanti ospiti che parteciperanno, affrontando le trasformazioni e le sfide della responsabilità rispetto ai problemi che ci assillano come singoli e come comunità, dalle disuguaglianze alle migrazioni, dalla disoccupazione allo sviluppo sostenibile.

Lascia il tuo commento
commenti