Il messaggio per la Santa Pasqua dell'Arcivescovo

Santa Pasqua, Mons. D'Ascenzo "La conformità al Risorto deve essere elemento costante per tutti"

Come afferma Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2019 esso è il “culmine dell’anno liturgico”, in quanto siamo chiamati “ogni volta a vivere un itinerario di preparazione"

Cultura
Trani mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
Mons. Leonardo D'Ascenzo - foto repertorio
Mons. Leonardo D'Ascenzo - foto repertorio © Francesco De Marinis

Ecco il messaggio di Mons. Leonardo D'Ascenzo, arcivescovo di Trani - Barletta - Bisceglie, inviato alla comunità diocesana in occasione della Santa Pasqua.

"Carissimi,
è ormai alle porte la celebrazione del Triduo Pasquale della passione, morte e risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo. Come afferma Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima 2019 esso è il “culmine dell’anno liturgico”, in quanto siamo chiamati “ogni volta a vivere un itinerario di preparazione, consapevoli che il nostro diventare conformi a Cristo (cfr Rm 8,29) è un dono inestimabile della misericordia di Dio”.

La conformazione al Risorto non può e non deve essere occasionale, ma elemento costante della nostra spiritualità, direi che deve essere la ragione della nostra esistenza come battezzati, come ministri ordinati e come consacrati. E’ un dono che continuamente e prima di tutto dobbiamo chiedere al Signore nella preghiera. A tal proposito quanto istruttiva, indicativa ed edificante è la nota testimonianza di San Paolo, l’innamorato di Cristo, “non vivo più io, ma Cristo vive in me” (Gal 2.20)!

La conformazione a Cristo e la ricerca di essa può offrire un impulso ulteriore in coloro che perseguono il senso pieno della vita. I santi, quelli più vicini e quelli più lontani nel tempo, insegnano questo: la nostra esistenza, alla luce del Cristo, va spesa per seminare i germi di risurrezione (gioia, vita, speranza, prossimità, capacità di cura, servizio, donazione) nei diversi ambienti e nelle varie situazioni, soprattutto laddove sembra primeggiare la solitudine, il dolore, la sopraffazione, la delusione.

Illuminati e sorretti dal Vivente Gesù Cristo, auguro a tutti voi i più sentiti auguri di una buona e santa Pasqua di Risurrezione".

Lascia il tuo commento
commenti