L'iniziativa è a cura dei ragazzi del Liceo Scientifico "V.Vecchi"

Banca della Cultura organizza "Relazioni", il primo Caffè Filosofico gestito da studenti

Oltre agli studenti, organizzatori e relatori, interverranno il prof. De Iuliis, l'avv. Di Gravina e la dott.ssa Sotero

Cultura
Trani lunedì 04 febbraio 2019
di La Redazione
Relazioni, Banca della Cultura
Relazioni, Banca della Cultura © TraniLive

Domani, martedì 5 febbraio, Palazzo San Giorgio ospiterà un dibattito sul tema delle "relazioni" con gli studenti protagonisti, prima ancora che spettatori. Banca della Cultura, collettivo formato dagli studenti del Liceo Scientifico “Valdemaro Vecchi” di Trani, organizza un Caffè Filosofico per dare agli studenti la possibilità di parlare, prima che di ascoltare. Oltre agli studenti stessi, che sono organizzatori e relatori a tutti gli effetti, saranno presenti l’avvocato Marinetta Di Gravina, operatrice presso il Centro antiviolenza SAVE della Cooperativa Promozione Sociale e Solidarietà; la dottoressa Gaetana Sotero, psicologa, e il professor Gianni De Iuliis, docente di Storia e Filosofia presso il Liceo Scientifico "V.Vecchi".

Il Caffè Filosofico si articolerà come il più spontaneo dei dibattiti, proponendosi come un luogo dove possano scorrere liberamente idee e opinioni. Il tema scelto per questo appuntamento sono le relazioni, delle quali ogni relatore si occuperà di affrontare una specifica sfumatura: si passerà dalle relazioni tra esseri umani al rapporto tra l’uomo e ciò che lo circonda, fino ad arrivare al concetto di “relazione” attraverso il pensiero dei filosofi e degli intellettuali antichi e moderni. Primo di una serie di appuntamenti mensili, il Caffè Filosofico vuole dare alla Cultura, con la “C” maiuscola, un respiro più ampio, riconsegnando nelle mani di noi giovani non lo scettro del presuntuoso sapere assoluto, ma l’umiltà e l’onestà intellettuale che porta al confronto.

Il collettivo Banca della Cultura si è formato all’interno della comunità studentesca del Liceo Scientifico “Valdemaro Vecchi” di Trani con l’intento di organizzare eventi culturali che riescano a spezzare il binomio ‘cultura-vecchiaia’, convinti che la cultura sia sempre in mano a chi verrà, e non possa mai invecchiare.

Lascia il tuo commento
commenti