La presentazione del libro

"Fra le nuvole", Margherita Ferracuti presenta a Trani il suo libro sull’autismo

Appuntamento domani, 7 dicembre, alle 18.30 all’interno dell’Auditorium San Luigi

Cultura
Trani lunedì 06 dicembre 2021
di La Redazione
Autismo nei bambini
Autismo nei bambini © n.c.

“Aiutami ad aprire i loro cuori, aiutami a far godere tutti della bellezza unica del tuo mondo, aiutami a farlo diventare anche il loro”. Non è solo la richiesta di un padre qualunque, è un invito a scoprire la meraviglia della diversità, a riflettere su una grande verità: tutti noi siamo l’eccezione ad una regola che forse non esiste: la normalità. Lo racconta bene, questo, Margherita Ferracuti nel suo libro “Fra le nuvole”, una riflessione intensa e toccante sull’autismo.

Non poteva che essere Trani la città in cui sono nate iniziative di successo come “Trani Autism Friendly” e “Dopo di noi”, il luogo in cui per la prima volta saranno presentate le pagine di questo libro. Fra le nuvole nasce da un assunto fondamentale: cosa significa diversità? Diversità rispetto a che cosa? Da qui il desiderio dell’autrice di approfondire le tematiche legate all’autismo: una condizione che, nella nostra società, è più diffusa di quanto si possa supporre, perché di essa raramente si parla e su cui si tende ancora ad avere idee stereotipate. Il libro racconta l’incontro fra due bambini e il loro modo di imparare a conoscersi. La diversità, vissuta con gli occhi semplici di un bambino, si trasforma in una ricchezza inestimabile e in un’occasione unica per imparare.

Il racconto di Margherita Ferracuti sarà presentato martedì 7 dicembre, alle ore 18.30, all’interno dell’Auditorium San Luigi. Interverranno, oltre all’autrice del libro, la direttrice CAT Asl Bat, Brigida Figliolia, il sindaco della Città di Trani, Amedeo Bottaro, il vice sindaco e referente TAF, Fabrizio Ferrante. L’introduzione sarà a cura della direttrice della casa editrice SD&C, Francesca Corraro.

Alla presentazione sarà riservato un posto speciale a tutti coloro che desiderano accogliere un punto di vista nuovo perché è proprio nell’attitudine a guardare con occhi diversi dai propri che risiede la facoltà di notare immagini e prospettive che altrimenti rimarrebbero nascoste.

Lascia il tuo commento
commenti