Cultura
La possibilità nasce dalla proposta della consigliera comunale Cuna: consentito un pubblico massimo 5 persone, prenotazione tramite e-mail