L'intervento

​Santorsola: «Cannibalismo delle strutture ospedaliere tranesi, a vantaggio di quelle biscegliesi»

Il duro attacco del Consigliere regionale al dg della Asl Bt, Alessandro Delle Donne

Cronaca
Trani venerdì 25 gennaio 2019
di La Redazione
Mimmo Santorsola
Mimmo Santorsola © n.c.

«Prosegue il cannibalismo delle strutture ospedaliere tranesi, a vantaggio di quelle biscegliesi. Avevamo fatto bene a dubitare della lealtà del direttore generale nei confronti del nostro territorio». È duro l’attacco di Mimmo Santorsola, consigliere regionale, al dg della Asl Bt, Alessandro Delle Donne.

Il riferimento è a una disposizione di servizio con cui il direttore sanitario, amministrativo e generale della Asl Bt dispongono, a partire dal primo febbraio 2019, nel Pta di Trani, la temporanea sospensione della guardia cardiologica (la giustificazione è che «è già operativa la telecardiologia») e della guardia rianimatoria («non è prevista in un Pta e non ci sono abbastanza anestesisti» si legge); la sospensione degli istituti della pronta disponibilità dei dirigenti e dei tecnici per patologia clinica e radiologia. Questi due servizi saranno attivi solo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 14.

«Il Pta di Trani non può essere una stampella dell’ospedale di Bisceglie. Chiedo immediatamente al sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, e a tutti i consiglieri comunali della città, di prendere immediatamente posizione, senza condizionamenti politici. Solo per il bene del nostro territorio, per rispetto della sua identità. Io – conclude Santorsola – mi farò portavoce delle istanze di tutti i cittadini tranesi in Regione, chiedendo l’intervento diretto del presidente Emiliano che ha sottoscritto quel protocollo d’intesa completamente disatteso dalla direzione Asl».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Domenicogencarelli ha scritto il 27 gennaio 2019 alle 10:12 :

    Il dott Santorsola vive in un’altra dimensione,i cardiologi che sono a Trani fanno parte dell’organico di Bisceglie così come gli anestesisti,per cui la attività operatoria di Bisceglie per la routine è ferma dal 1giugno 2018,con grave nocumento anche per i tranesi Rispondi a Domenicogencarelli