I dettagli

​Magistrati arrestati per corruzione: determinanti le rivelazioni dell’imprenditore Flavio D’Introno

È lui ad aver rivelato ai carabinieri di Barletta i rapporti con i magistrati Michele Nardi e Antonio Savasta, finiti in manette ieri mattina insieme al sovrintendente di polizia, in servizio a Corato, Vincenzo Di Chiaro

Cronaca
Trani martedì 15 gennaio 2019
di La Redazione
Un'aula di tribunale
Un'aula di tribunale © n.c.

Diciotto indagati, tra questi anche l’imprenditore Flavio D’Introno, già condannato in appello a 5 anni e 9 mesi di reclusione per usura. È proprio lui ad aver rivelato ai carabinieri di Barletta i rapporti con i magistrati Michele Nardi e Antonio Savasta, finiti in manette ieri mattina insieme al sovrintendente di polizia, in servizio a Corato, Vincenzo Di Chiaro, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Lecce nella quale sono confluiti anche gli atti d’indagine relativi a un fascicolo della magistratura di Firenze.

I tre sono indagati per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale per fatti commessi tra il 2014 e il 2018; e Nardi è considerato capo, promotore e organizzatore dell’associazione. Di questa avrebbe fatto parte, oltre a Nardi, Savasta e Di Chiaro, anche un’avvocatessa barese, Simona Cuomo, che avrebbe avuto il compito di dare - secondo la Procura salentina - “veste legale” alle iniziative di D’Introno e dei suoi familiari (anch’essi indagati) nei procedimenti gestiti da Savasta.

Le misure cautelari sono state richieste dal procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris, per 6 dei 18 indagati. In particolare, il gip ha disposto le tre in carcere per Savasta, Nardi e Di Chiaro; mentre sono stati interdetti dall’esercizio della professione per un anno Simona Cuomo e il collega barlettano Ruggiero Sfrecola; all’imprenditore di origine barlettana Luigi Dagostino, ormai attivo a Firenze, è stato imposto il divieto temporaneo di esercizio dell’attività imprenditoriale e di esercitare uffici direttivi nelle imprese per la durata di un anno.

Flavio d'Introno, arrestato nell’ambito dell’operazione Fenerator nel 2007, a ottobre scorso ha cominciato a collaborare, rivelando tutto ai carabinieri di Barletta.

«Ho consegnato circa 300mila euro in contanti a Savasta, circa un milione e mezzo di euro, comprensivo di regali materiali, a Nardi», ha detto D’Introno. Savasta, in particolare, avrebbe «gestito, su specifico mandato di Nardi, una serie innumerevole di procedimenti artatamente creati e gestiti al fine di favorire il D’Introno sia nel processo Fenerator che in altri procedimenti penali».

D'Introno, inoltre, microfonato, incontrò pure Savasta che, a sua volta, avrebbe fornito dichiarazioni “confessorie” chiamando in correità anche Nardi. E sarebbe stato proprio quest’ultimo a «introdurre il D’Introno a Savasta e a chiedergli di occuparsi delle vicende che riguardavano D’Introno». Inoltre, l’imprenditore coratino ha più volte sottolineato la conoscenza delle indagini in corso presso la Procura di Lecce da parte di Nardi sin dal gennaio 2016, epoca certamente antecedentemente a quella della notifica dell’avviso di proroga delle indagini avvenuta il 28 settembre 2016.

Senza contare - scrive il gip Giovanni Gallo nell’ordinanza di custodia cautelare - «la capacità di condizionamento del Nardi anche in virtù del suo ruolo di ispettore del ministero di Giustizia» che emerge da quanto riferito da D’Introno negli interrogatori, nonché i rapporti con la massoneria e con i servizi segreti. In particolare, il magistrato ora in servizio come pm a Roma avrebbe utilizzato queste sue conoscenze per costringere l’imprenditore coratino a dargli i soldi che chiedeva: «...o mi dai due milioni di euro e vieni assolto o questa è la tua foto... io ho fatto queste indagini grosse al vaticano... al Gladio... e tu te ne vai...».

Lascia il tuo commento
commenti