Il punto sulla situazione

Aria irrespirabile da giorni: roghi notturni in più punti. Colangelo: "Stiamo monitorando fenomeno"

"L'assessorato sta facendo il possibile - continua Colangelo -, segnalando alle forze dell’ordine e monitorando, anche di persona, gli interventi sui diversi focolai"

Cronaca
Trani giovedì 23 giugno 2022
di Donato De Ceglie
Incendio di stoppie, Trani
Incendio di stoppie, Trani © TraniLive.it

Aria irrespirabile e finestre chiuse nonostante le temperature per non sorbire il fetore di plastica bruciata: è la piaga che da giorni denunciano sui social decine e decine di cittadini. "Stiamo localizzando un'area, facendo verifiche con i vigili e i volontari ambientali, mi sto muovendo anche io da solo ma purtroppo i roghi sono tanti", dichiara Pierluigi Colangelo, assessore all'Ambiente.

La "puzza" viene avvertita principalmente in tarda sera e notte, una lieve coltre di fumo è visibile al primo mattino ma di giorno scompare per un semplice motivo, a detta dell'assessore: "È un fenomeno dovuto a roghi in campagna. Si tratta di stoppie che prendono fuoco - non si sa se accidentalmente o intenzionalmente - e spesso in molti roghi ci sonoscarti di plastica dell'agricoltura. Non siamo dinanzi ad una nuova cava fumante altrimenti avremmo avvertito la puzza anche di giorno".

"Stiamo cercando di circoscrivere l'area per capire se c'è qualcos'altro sotto. Sono fenomeni notturni circoscritti". Nella notte i vigili del fuoco sono intervenuti su un incendio nel territorio cittadino. "L'assessorato sta facendo il possibile - continua Colangelo -, segnalando alle forze dell’ordine e monitorando, anche di persona, gli interventi sui diversi focolai. La maggior parte degli incendi riguarda terreni privati in cui non è stata rispettata l'ordinanza degli sfalci sui quali quasi sempre è presente materiale plastico impiegato in agricoltura come teli e tubature per l'irrigazione oltre ai sacchi di rifiuti illecitamente abbandonati ai margini dei campi. Con grandissimo sforzo stiamo tentando di riportare un po' di ordine e di difendere la nostra salute, ma il nostro lavoro sembra assolutamente vano di fronte ad uno stato di incuria e di disprezzo per il bene comune di troppi cittadini che non rispettano le ordinanze, che abbandonano rifiuti ovunque, che vandalizzano ogni arredo urbano".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giangi ha scritto il 23 giugno 2022 alle 19:56 :

    Difficile vero! Rispondi a Giangi

  • franco ha scritto il 23 giugno 2022 alle 08:28 :

    se si fossero monitorati tutti i terreni privati abbandonati forse non si sarebbe arrivati a tal punto esimio assessore all'ambiente- datevi da fare subito Rispondi a franco