Dallo stadio comunale

Open day a Trani: terminate le 350 dosi previste. Decine di persone mandate indietro

Oltre 400 persone in coda dalle 8, qualcuno già dalle 7, per assicurarsi la possibilità di vaccinarsi. Dalle 9, ora in cui sono partite le operazioni, è bastata una sola ora di consegna numerini e le dosi sono terminate

Cronaca
Trani sabato 15 gennaio 2022
di La Redazione
Hub vaccinale, campo sportivo di Trani
Hub vaccinale, campo sportivo di Trani © TraniLive

Decine e decine di persone rispedite a casa: l'Open day tranese all'hub dello stadio comunale è andato in overbooking. I 350 numeri disponibili per la giornata odierna per ottenere la possibilità di entrare nell'hub sono terminati intorno alle ore 10. All'esterno dello stadio vi erano oltre 400 persone, alcuni in coda già dalle 7, due ore prima dell'inizio della giornata vaccinale.

Intorno alle 10 gli operatori dell'organizzazione, coadiuvati dagli agenti della Polizia locale, hanno comunicato a quanti erano in coda oltre il numero 350 che non avrebbero potuto effettuare ulteriori vaccini ed hanno invitato le persone ad allontanarsi.

Ieri sera lo stadio è stato palcoscenico de "La notte è giovane", l'iniziativa dedicata ai vaccini per i giovanissimi. La Asl rassicura quanti sono tornati a casa oggi sulla possibilità di sfruttare a breve nuovi appuntamenti. Domani l'hub sarà impegnato per le vaccinazioni pediatriche.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Roberto Abbattista ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 14:23 :

    Che vergogna. Gente mandata indietro in fila su un marciapiede tutti attaccati uno dietro l'altro, senza distanziamento. Poi mandare indietro gente che si vuole vaccinare è il simbolo della disorganizzazione impersonificata. Non se ne uscirà mai! A Trani nessuno è in grado di gestire qualcosa, nè pianificare. Vedrete che con i fondi a disposizione non riusciranno a fare nulla. Tipicamente tranese! Che peccato! Rispondi a Roberto Abbattista

    Carmelo Giammona ha scritto il 16 gennaio 2022 alle 19:32 :

    E pietoso Rispondi a Carmelo Giammona