Sviluppi

Rissa tra venditori ambulanti, scattano le misure cautelari: 5 con braccialetto elettronico

I soggetti coinvolti si denunciano a vicenda, ma alcuni mesi dopo si scontrano nuovamente, per le stesse motivazioni, presso l’area portuale

Cronaca
Trani giovedì 16 settembre 2021
di La Redazione
Porto di Trani, ambulanza
Porto di Trani, ambulanza © TraniLive.it

Nei giorni scorsi, gli Agenti del Commissariato di Trani hanno eseguito la misura cautelare coercitiva personale del divieto di avvicinamento con applicazione del braccialetto elettronico nei confronti di 5 persone di nazionalità marocchina.

Il tutto è iniziato nel corso della primavera, quando tra due distinti gruppi familiari, che si contendono i luoghi più appetibili in cui svolgere l’attività di commercializzazione di prodotti di telefonia, nasce un acceso diverbio nel corso del quale uno dei giovani viene aggredito e minacciato. I soggetti coinvolti si denunciano a vicenda, ma alcuni mesi dopo si scontrano nuovamente, per le stesse motivazioni, presso l’area portuale.

Gli episodi verificatisi appaiono subito sintomatici di uno stato di malessere che rischia di degenerare; l’astio tra i ragazzi, i toni accesi, la violenza delle condotte e l’aggressività fa temere il peggio e induce gli agenti di Polizia, coordinati dalla Procura della Repubblica di Trani, a ritenere che il protrarsi di tale situazione possa portare a conseguenze ulteriori ed ancora più gravi.

Poiché i comportamenti tenuti configurano, ai sensi dell’art 612 bis, il reato di atti persecutori degli uni contro gli altri, viene richiesta l’applicazione di una misura cautelare nei loro confronti ed il Giudice per le Indagini Preliminari interviene disponendo la misura cautelare coercitiva del divieto di avvicinamento con applicazione del braccialetto elettronico, immediatamente eseguita dalla polizia giudiziaria.

Lascia il tuo commento
commenti