Le celebrazioni

Corpus Domini: tornano le messe cittadine, ma non le processioni

A Bisceglie si celebra in tutte le parrocchie

Cronaca
Trani mercoledì 02 giugno 2021
di La Redazione
Mons. Leonardo D'Ascenzo
Mons. Leonardo D'Ascenzo © n.c.

In vista della solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo che sarà celebrata domenica 6 giugno 2021, Mons. Leonardo D’Ascenzo, Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie, ha inviato ai presbiteri diocesani una lettera in cui afferma che «sarà possibile, come negli anni passati, celebrare in ogni città dell’Arcidiocesi un’unica S. Messa vespertina con la partecipazione del clero cittadino, dei religiosi e delle religiose e della varie rappresentanze di confraternite, associazioni e movimenti assieme a tutti gli altri fedeli desiderosi di esprimere l’unità della comunità ecclesiale nell’unico Corpo di Cristo. E’ preferibile che la predetta celebrazione, a motivo della partecipazione rilevante di fedeli, sia realizzata in spazi aperti, ottenute previamente le necessarie autorizzazioni dalle pubbliche autorità». Ma Mons. D’Ascenzo, ancor prima, nelle medesima missiva, aveva chiarito che «le attuali restrizioni derivanti dall’attuale contingenza pandemica non consentono la tradizionale Processione Eucaristica».

Nel documento, l’Arcivescovo si sofferma sul significato della solennità, riprendendo le parole dell’omelia di Papa Francesco proferite nel 2020 nella medesima solennità: «Il Signore “non ci ha lasciato solo delle parole, perché è facile scordare quello che si ascolta. Non ci ha lasciato solo la Scrittura, perché + facile dimenticare quello che si legge. Non ci ha lasciato solo dei segni, perché si può dimenticare anche quello che si vede. Ci ha dato un Cibo, ed è difficile dimenticare un sapore. Ci ha lasciato un Pane nel quale c’è Lui, vivo e vero, con tutto  il sapore del suo more”. Memori delle parole del Santo Padre sull’Eucarestia, in piena sintonia col cammino diocesano, siamo chiamati a testimoniare “una Chiesa che ha sapore della casa e una casa che ha il profumo della Chiesa”, proprio a partire dalla celebrazione dell’Eucaristia, nella quale Gesù Cristo dà sapore alla nostra vita, “offrendosi  a Dio in sacrificio di soave odore” (Ef 5,2)».

 

Programma delle celebrazioni cittadine:

  • Trani, ore 19.30, unica concelebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo sul piazzale della Cattedrale, segue adorazione eucaristica;
  • Barletta, messa vespertina in ciascuna parrocchia, segue adorazione eucaristica;
  • Bisceglie, messa vespertina in ciascuna parrocchia, segue adorazione eucaristica;
  • Corato, ore 19.30, unica concelebrazione eucaristica presieduta da don Peppino Lobascio in Piazza Cesare Battisti, segue adorazione eucaristica;
  • Margherita di Savoia, ore 19.30, unica concelebrazione eucaristica presieduta da Don Matteo Martire sul sagrato della Parrocchia del SS. Salvatore, segue adorazione eucaristica;
  • San Ferdinando di Puglia, ore 19.30, unica concelebrazione eucaristica presieduta da Don Mimmo Marrone in Piazza della Costituzione, segue adorazione eucaristica;
  • Trinitapoli, ore 19.00, unica concelebrazione eucaristica presieduta da Mons. Giuseppe Pavone in Piazza S. Stefano, segue adorazione eucaristica
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 03 giugno 2021 alle 21:38 :

    A me pare invece che sospensione di ogni forma di pietà popolare che comporti manifestazioni esterne della fede sia motivata alla radice, anche se non resa esplicita. Rispondi a Marco

    Maria P. ha scritto il 03 giugno 2021 alle 21:53 :

    Basterebbe guardare le foto della Festa della Repubblica il 2 giugno a Roma, all'altare della Patria, per chiedersi come mai gli assembramenti sono giustificati per le feste laiche e quindi non si capisce perché mai debbano essere vietati solo per quelle religiose. Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 03 giugno 2021 alle 16:13 :

    Continuano ad esserci restrizioni del tutto irragionevoli. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 03 giugno 2021 alle 06:46 :

    L'autolesionismo ecclesiale è davvero inspiegabile e privo di motivazioni. Non so come faranno a spiegare ai fedeli che non si può fare la processione ma ci si assembra tranquillamente nella movida. Rispondi a Franco