Il sequestro

Lido Mongelli: la Guardia costiera sequestra l'area

Sequestrati anche cinque mezzi pesanti utilizzati per scaricare materiale lapideo sulla battigia

Cronaca
Trani venerdì 14 maggio 2021
di La Redazione
Guardia costiera sequestra lido Mongelli
Guardia costiera sequestra lido Mongelli © Guardia costiera

Nella giornata di ieri 13 maggio l'attività di monitoraggio della Guardia costiera ha permesso di rilevare alcuni operai intenti in attività sospette sul lungomare di Trani. Congiuntamente al personale in servizio presso l’ufficio locale marittimo di Trani e al nucleo operativo ambientale della Capitaneria di porto di Barletta, è stato posto sotto sequestro penale: un’area di demanio marittimo di circa 2700 mq. ubicata sul lungomare nel comune di Trani e 5 mezzi pesanti utilizzati per scaricare materiale lapideo sulla battigia.

I responsabili delle attività illecite sono stati subito deferiti alla locale Procura della Repubblica di Trani. Trattasi di due soggetti, legale rappresentante della concessione demaniale marittima e l’amministratore unico della ditta che stava svolgendo i lavori.

Sono stati contestati i seguenti reati: art. 24 c.2 del Regolamento per l’esecuzione del Codice della Navigazione e art. 1161 c.1 del Codice della Navigazione “per aver realizzato innovazioni non autorizzate su area demaniale marittima già in concessione ”;artt. 44 lett. C) L. 380/01, e 142 lett. A) Dlgs 42/2004 “ per aver installato una vasca imhoff ed aver effettuato il ripascimento della battigia a mezzo di materiale lapideo in assenza di autorizzazione edilizia e paesaggistica ”; art. 124 e 137 del Dlgs 152/06 “ per aver realizzato un nuovo scarico in assenza di titolo autorizzativo ”; art. 81  cpv., 110 e 734 c.p “ per aver modificato ed alterato la bellezza naturale di luoghi soggetti a vincolo paesaggistico ”.

Il nucleo operativo ambientale della Guardia costiera è costantemente attivo, su tutto il territorio di giurisdizione, sulla tematica ambientale al quale gli uomini del comandante Larocca prestano un’attenzione e sensibilità sempre maggiore.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 14 maggio 2021 alle 11:18 :

    Ma questi pensano che la costa è cosa loro? Rispondi a Franco