La novità

​Zona Arancione, le nuove disposizioni dell'Arcivescovo. Ma restano vietate le processioni

Prime, timide, riaperture ma sempre usando la massima prudenza

Cronaca
Trani mercoledì 28 aprile 2021
di La Redazione
Mons. Leonardo D'Ascenzo
Mons. Leonardo D'Ascenzo © Tranilive

L’Ufficio diocesano di Cancelleria ha reso noto una comunicazione dell’Arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo alla Chiesa diocesana recante alcune disposizioni a seguito della revoca in Puglia della “zona rossa”. 

 «Carissimi - scrive l'Arcivescovo-, con la revoca delle "zona rossa" e il relativo allentamento delle misure restrittive sul nostro territorio, in armonia con le disposizioni governative, dispongo che i parroci e i responsabili delle diverse realtà ecclesiali (associazioni, movimenti, confraternite ...) valutino la possibilità di ripresa di alcune attività e incontri in presenza nel rispetto assoluto delle norme sanitarie e di distanziamento fisico.

Si prenda in considerazione l'eventuale utilizzo di spazi aperti deputabili agli incontri programmati, qualora l'ampiezza dei luoghi chiusi a disposizione non garantissero le misure di sicurezza previste.

Seppur minime, queste aperture, da gestire con estrema prudenza e illuminato buon senso, possano agevolare, tra le altre cose, una preparazione più immediata alla ricezione dei sacramenti dell'iniziazione cristiana da parte dei fanciulli e dei ragazzi delle nostre comunità parrocchiali.

Come già disposto con lettera del 29 gennaio 2021 (prot. n. 028/21/C1), confermo anche per questo anno pastorale la concessione, previa richiesta scritta, della speciale facoltà personale di amministrare il sacramento della Confermazione limitatamente al territorio parrocchiale di competenza.

Ribadisco, infine, la sospensione di ogni forma di pietà popolare che comporti una manifestazione esterna della fede».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 28 aprile 2021 alle 17:34 :

    Non credo sia tra le competenze di un Vescovo vietare libere forme di religiosità popolare e "manifestazioni esterne di fede" che invece attengono a principi costituzionali inviolabili di libertà di culto. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 28 aprile 2021 alle 14:16 :

    Vietata la "manifestazione esterna della fede"? Ditemi che ho sbagliato a leggere per favore. Rispondi a Franco

  • Maria P. ha scritto il 28 aprile 2021 alle 13:51 :

    Vietate le processioni tranne quelle dirette al Vaccino taumaturgico. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 28 aprile 2021 alle 07:44 :

    La virtù della prudenza si applica solo in chiesa? Sono state sospesi molti sacramenti come le comunioni le cresime. Pure il catechismo dei piccoli. Peccato notare come altrove invece ci si può assembrare liberamente senza problemi, ovvero negli hub vaccinali. E nessuno obietta. Rispondi a Franco

    Maria P. ha scritto il 29 aprile 2021 alle 08:01 :

    Ma come? A scuola si va e al catechismo no? Che differenza c'è? Rispondi a Maria P.