Sviluppi giudiziari

"Chiavi della città": Bottaro rinviato a giudizio

Ipotesi di falso e peculato le accuse mosse al primo cittadino di Trani

Cronaca
Trani sabato 10 aprile 2021
di La Redazione
Amedeo Bottaro, sindaco di Trani
Amedeo Bottaro, sindaco di Trani © TraniLive

Si è tenuta ieri presso il Tribunale di Trani l'udienza relativa al procedimento penale "Chiavi della Città", rinviata ad oggi dal Gup Ivan Barlafante, per la discussione delle difese: al termine dell'udienza è stata disposta sentenza di "non luogo a procedere" nei confronti del sindaco di Trani Amedeo Bottaro (difeso dall'avv. Mario Malcangi), degli ex dirigenti della Vigor Trani Alberto Altieri (difeso dall'avv. Amleto Carobello) e Michele Amato (difeso dall'avv. Gianfranco Schirone) per i capi d'imputazione K e L dell'abuso di ufficio; sentenza di "non luogo a procedere" anche nei confronti del dirigente del Comune di Trani Leonardo Cuocci Martorano (difeso dall'avv. Salvatore Pasquadibisceglie), del dipendente comunale Pasquale Ferrante (difeso dall'avv. Maurizio Sasso), dell'ex consigliere comunale Diego Di Tondo (difeso dall'avv. Mario Malcangi), di Michele Amato, Alberto Altieri, e Bottaro, sempre per il reato di abuso di ufficio per il capo N, perché "il fatto non sussiste".
Rinvio a giudizio invece per Antonio Giancaspro, Michele Bellomo, Michele Amato e l'imprenditore Emanuele Mosconi per il reato di associazione per delinquere; per il reato di bancarotta e riciclaggio per Giancaspro e Amato. Vanno a giudizio il sindaco Bottaro per una ipotesi di falso e sempre il sindaco Amedeo Bottaro, Alberto Altieri, Amato e Bellomo per una ipotesi di peculato.

L'udienza per il rinvio a giudizio è fissata per il 27 ottobre 2021 davanti al Tribunale di Trani in composizione collegiale

Lascia il tuo commento
commenti