Il fatto

Incendiato il portone di casa del sindaco: "Se pensano di intimorirmi si sbagliano"

La scoperta è stata fatta in mattinata dallo stesso sindaco

Cronaca
Trani sabato 27 febbraio 2021
di La Redazione
Il portone di ingresso dell'abitazione del sindaco
Il portone di ingresso dell'abitazione del sindaco © TraniLive

"Se pensano di intimorirmi si sbagliano", così commenta il primo cittadino l'atto intimidatorio avvenuto questa notte ai suoi danni. Il portone di ingresso della sua abitazione è stato danneggiato da un incendio, la scoperta è stata fatta in mattinata dallo stesso sindaco.

In questi giorni è al centro delle notizie di cronaca la nuova ordinanza contro gli assembramenti nella zona della "movida" dopo il brutto episodio di sabato scorso, quando alcuni operatori di polizia intervenuti in via Lagalante in tarda serata sono stati accolti con una bordata di fischi e ululati. Il sindaco, all'indomani dell'episodio, fu netto: "Quei fischi glieli faremo ingoiare". Indagheranno sull'episodio le forze dell'ordine. Si tratta del secondo atto intimidatorio ai danni del primo cittadino durante il suo mandato politico: a dicembre 2018 il sindaco ritrovò sotto casa una busta con due proiettili.

Sull'episodio indagano gli inquirenti del Commissariato della Polizia di stato.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Aurelio Rag.Tortosa ha scritto il 27 febbraio 2021 alle 16:04 :

    Conosco il Dott.Bottaro ho conosciuto suo padre il Notaio sono persone a modo e purtroppo osteggiate e oltraggiate da qualche ribusciato di turno. Coraggio Sindaco vai avanti senza timori. Rispondi a Aurelio Rag.Tortosa

  • Ali Zenun Margjeka ha scritto il 27 febbraio 2021 alle 11:33 :

    Non è democratica e un movimento cremonese .e vero che ci sono le cose che fanno da piangere nel comune di Trsni.di più in campo sociale .famiglie abbandonato da una parte altro tutto via da 12 anni che sinestra che la destra Rispondi a Ali Zenun Margjeka

  • Il senso civico ha scritto il 27 febbraio 2021 alle 09:58 :

    Che vergogna ! Senza educazione , senza cervello , gente stupida che abita questa città che non merita personaggi così infimi e squallidi ! A prescindere dal fatto che sia casa del sindaco o che peggio ancora si voglia contestare un ordinanza . Il gesto squallido e vile di per se’ ci fa prendere atto che purtroppo non siamo un popolo civile ! Rispondi a Il senso civico