Storia, iniziative ed un sogno nel cassetto...

La Trani neroazzurra su Tuttosport: l'Inter Club si racconta sul quotidiano nazionale

Lo "Zanetti4Ever" conta 130 iscritti e, tra le iniziative, ha inventato gli "oscar neroazzurri"

Calcio
Trani mercoledì 15 maggio 2019
di Vincenzo Avveniente
La pagina riservata dal giornale
La pagina riservata dal giornale "TuttoSport" © n.c.

Sono passati appena tre anni dalla creazione del primo Inter Club cittadino ed i passi da gigante compiuti dai tifosi tranesi iscritti sono stati riconosciuti persino dal quotidiano sportivo nazionale "Tuttosport" nell'edizione odierna. Il presidente Luca Cavalieri racconta in un'intera pagina la storia, le attività ed i curiosi aneddoti di questa realtà che ad oggi conta ben 130 soci che vivono gioie e dolori della "beneamata" nella sede di Corso don Sturzo, nel quartiere Pozzopiano.

Il risalto maggiore da parte della giornalista Alessia Scurati è dato alla pregevole iniziativa intrapresa dal club con gli "Oscar neroazzurri", ossia dei premi, sotto forma di tessere onorarie, conferiti ad interisti che si sono distinti per meriti speciali. Primo fra tutti è stato Pompeo Barbieri, sopravvissuto al terremoto di San Giuliano di Puglia nel 2002 e oggi campione italiano e internazionale di nuoto paralimpico. Secondo "oscar" è quello di Nicole Orlando, mentre l'ultimo appartiene al tranese Costantino Baratta, trasferitosi a Lampedusa da circa 30 anni ed autore di un salvataggio di 12 migranti eritrei caduti in mare nei pressi della costa siciliana.

Tra le figure speciali di questo club spunta anche un sacerdote tranese, don Enzo De Ceglie. È stato proprio l'attuale parroco della parrocchia "Angeli Custodi" di Trani, da sempre sostenitore interista, ad aver benedetto i locali in cui il primo nucleo di soci ha cominciato a riunirsi sistematicamente: inoltre alcuni degli incontri precedenti, quando ancora non era disponibile una sede autonoma, si sono tenutipresso l'auditorium della parrocchia di don Enzo il quale ha offerto la possibilità logistica al gruppo di avviare il progetto.

Oltre che prediletto per l'intitolazione dell'Inter Club, per l'appunto "Zanetti4Ever", l'ex-capitano nerazzurro Javier rientra fra i desideri nel cassetto del sodalizio tranese: chissà che un giorno la Cattedrale sul mare riesca ad ospitare il talento argentino che, giungendo in città, coronerebbe uno dei grandi sogni dei tifosi tranesi.

Lascia il tuo commento
commenti