L'iniziativa

"I buoni vicini", l'iniziativa per incentivare il commercio locale

L’intervento intende stimolare gli acquisti in città tramite l’emissione di “voucher non convertibili” da utilizzare come “moneta complementare” da parte dei cittadini

Attualità
Trani sabato 12 dicembre 2020
di La Redazione
L'iniziativa
L'iniziativa © n.c.

Si chiama “I Buoni vicini” ed è l’iniziativa promossa dall’assessorato alle attività produttive del Comune di Trani e messa in campo dall’Amministrazione con il supporto delle associazioni di categoria per sostenere il commercio locale in vista delle festività natalizie da trascorrere in piena emergenza covid.

Nella sezione Bandi di Concorso del sito istituzionale della Città è stato pubblicato l’avviso con cui sono aperti i termini per la presentazione delle richieste di partecipazione da parte degli esercizi commerciali per la concessione di “voucher non convertibili” utilizzabili esclusivamente nel Comune di Trani e finalizzati al sostegno dell’economia cittadina.

L’intervento, di natura sperimentale e che coprirà l’arco temporale delle imminenti festività (comunque non oltre il 9 gennaio 2021) intende stimolare gli acquisti in città tramite l’emissione di “voucher non convertibili” da utilizzare come “moneta complementare” da parte dei cittadini.

Potranno partecipare all’avviso (scadenza la mezzanotte del 16 dicembre) i titolari di esercizi commerciali, siti nel Comune di Trani, il cui codice ATECO ricade nella tabella di cui all’allegato B dell’avviso. I soggetti interessati dovranno inviare una istanza utilizzando l’allegato “C”, debitamente compilata e firmata, all’indirizzo: ufficio.suap@cert.comune.trani.bt.it

La modalità di funzionamento de “I buoni vicini” è abbastanza semplice. I voucher saranno stampati a cura del Comune di Trani e consegnati ai titolari dell’attività commerciali di vicinato che hanno aderito alla manifestazione di interesse e ammessi a seguito di apposita istruttoria. Il valore di ciascun voucher è di 20 euro, non frazionabili, che potrà essere utilizzato in tutti gli esercizi aderenti per l’acquisizione di beni ad eccezione di superalcolici e/o di giochi e scommesse anche on-line. Ciascun esercizio beneficiario dei voucher (sarà data notizia degli aderenti) dovrà, all’atto della consegna, apporre sul retro del voucher la cosiddetta “girata”, mediante apposizione del timbro e firma del titolare dell’attività commerciale. Ciascun esercizio beneficiario dei voucher da parte del Comune di Trani, dopo aver apposto il proprio timbro e firma, potrà concederli ai propri clienti, allegando copia dello scontrino fiscale, a seguito di un acquisto di un valore superiore almeno al doppio dell’importo del voucher (quindi almeno 40 euro). Il buono ricevuto dal commerciante e correlato di “girata” con allegato scontrino fiscale potrà essere utilizzato solo in altro esercizio commerciale aderente all’iniziativa. Il cittadino in possesso del voucher (con allegata copia dello scontrino fiscale) potrà utilizzarlo presso altro esercizio, quale moneta complementare, tra quelli che sono stati ammessi alla partecipazione dell’iniziativa, sempre per acquisti superiori almeno al doppio del valore del voucher che può essere utilizzato una sola volta.

Al termine della sperimentazione, gli esercenti potranno chiedere al Comune di Trani la conversione in denaro dei voucher incassati. L’Ente, dopo aver effettuato le opportune verifiche, procederà all’accredito delle somme sul conto corrente indicato dagli esercenti in sede di domanda.

La somma complessiva stanziata dall’Amministrazione per l’emissione di voucher è pari a 40.000 euro.

Ulteriori informazioni potranno essere acquisite telefonando all’Ufficio SUAP dalle ore 9:30 alle ore 12 ai numeri: 0883.581227, 0883.581228, 0883.581229.

“Abbiamo pensato – dichiara l’assessora alle attività produttive, Marina Nenna – che le semplici dichiarazioni da “compro a Trani” non fossero sufficienti. Per questo motivo abbiamo deciso di creare un sistema di buoni sconto per le attività commerciali non alimentari. E’ una misura che va incontro a quelle categorie di commercianti che non hanno ricevuto ristori ma che hanno subito ingenti riduzioni di fatturato. La procedura è semplice, sia per i commercianti che per i cittadini. questi ultimi potranno fare acquisti nei negozi della città usufruendo di sconti importanti. Aiutiamo le attività di vicinato della nostra città”.

“In questi giorni – spiega il sindaco, Amedeo Bottaro – abbiamo creato i presupposti per far vivere alle famiglie tranesi delle festività in modo quanto più sereno possibile. Abbiamo pubblicato, tra i primi, l’avviso per il fitto casa e quello per i buoni spesa con una procedura telematica che garantirà erogazioni in tempi brevissimi. Adesso abbiamo avviato questa iniziativa in favore delle attività di vicinato della città con il sempre prezioso sostegno delle associazioni di categoria. Il commercio locale ne trarrà giovamento così come i cittadini che avranno un motivo in più per fare acquisti in città e non altrove. Sarà un Natale diverso ma stiamo facendo il massimo per renderlo dignitoso. La prossima settimana contiamo inoltre di illuminare la città. Sebbene la gran parte delle risorse siano state destinate alle iniziative di natura sociale, renderemo Trani affascinante e suggestiva come sempre. Per godercela appieno dovremo essere bravi a mantenere atteggiamenti responsabili. In città registriamo un equilibrio sottile tra nuovi contagi e persone guarite. Un’eventuale impennata dei contagi ci costringerebbe ad adottare misure maggiormente restrittive, cosa che non vorremmo assolutamente. Ai cittadini chiedo attenzione e buon senso”.

Lascia il tuo commento
commenti