Il sopralluogo

Ex psicopedagogico, lavori di bonifica: il sopralluogo di Provincia e Comune

Il presidente della Provincia, Lodispoto, insieme al consigliere provinciale Corrado e al sindaco uscente Bottaro hanno esplicato lo stato dei lavori e i progetti futuri in serbo per l'area

Attualità
Trani mercoledì 05 agosto 2020
di Fabio Pengo
Bernardo Lodispoto, presidente della Provincia Bat, e Giuseppe Corrado, consigliere provinciale e comunale
Bernardo Lodispoto, presidente della Provincia Bat, e Giuseppe Corrado, consigliere provinciale e comunale © TraniLive

Dopo oltre 40 anni si apre un nuovo ciclo per la struttura abbandonata che avrebbe dovuto ospitare lo psicopedagogico. Come avevamo già segnalato in un precedente articolo, la Provincia aveva avviato i lavori di bonifica e questa mattina il presidente della Bat Lodispoto, insieme al consigliere provinciale Beppe Corrado e al sindaco Amedeo Bottaro, hanno effettuato un sopralluogo per verificare lo stato dei lavori di bonifica e messa in sicurezza della struttura e dell'area circostante che coprono una superficie di circa 40mila metri quadri. La zona, ricordiamo, veniva utilizzata in passato come ricovero dai senzatetto e, nel fine settimana, utilizzata dai chi praticava il softair . Oltre a questo diversi turisti e cittadini tranesi ci passavano attraverso per raggiungere uno dei piu' suggestivi scorci della costa tranese. "Già dopo alcuni mesi dal mio insediamento Beppe Corrado mi aveva segnalato la necessità di un mio intervento e vedere un tale degrado mi aveva lasciato esterrefatto anche perchè era mia responsabilità mettere in sicurezza l'immobile" commenta Bernardo Lodispoto.

"Un ringraziamento sincero va al presidente Lodispoto e al consigliere Corrado. Mi premeva riconsegnare un pezzo di costa favoloso ai cittadini e , attraverso Amet, proteggere e video sorvegliare tutta l'area circostante, che include questa magnifica pineta, da chiunque abbia intenzione di sversare illegalmente rifiuti." interviene il sindaco uscente Amedeo Bottaro. Che ne sarà dunque della struttura? A domanda risponde Beppe Corrado. "L'area nasce con destinazione sociosanitaria e tale rimane. L'interlocuzione che la Provincia sta avendo è con enti pubblici per evitare qualsiasi tipo di speculazione edilizia di quest'area meravigliosa; il nostro scopo è riprendere quello che è stato interrotto 45 anni fa dalla provincia di Bari e consegnare al territorio una struttura socio-sanitaria di altissimo livello"

Lascia il tuo commento
commenti