Camposcuola

“CorSia preferenziale”: un'esperienza di servizio e carità coordinata da don Michele Caporusso

L'iniziativa, organizzata dalla Pastorale Giovanile di Trani, è in programma dal 3 al 7 agosto

Attualità
Trani mercoledì 01 luglio 2020
di La Redazione
don Michele Caporusso
don Michele Caporusso © Facebook

Dal 3 al 7 agosto il servizio diocesano Pastorale Giovanile di Trani organizza un'esperienza di servizio e carità dal titolo “CorSia preferenziale”.

L'iniziativa, rivolta ai giovani dai 18 anni in su, ha come obiettivo quello di "aiutare i giovani a scegliere di fare qualcosa di utile per la nostra città", affermano gli organizzatori coordinati da don Michele Caporusso. “L’intento è sensibilizzare i giovani al servizio e alle opere di bene che possono assumere diverse sfaccettature”.
Il bene è un valore universale che travalica il tempo, lo spazio e accomuna tutte le età, tutte le ideologie e tutte le religioni. I giovani saranno chiamati a vivere, in forma di camposcuola semi residenziale, cinque giornate in cui al mattino ci saranno dei servizi da svolgere e dopo la consumazione del pranzo insieme ci saranno dei laboratori e delle testimonianze.
Le attività dei ragazzi si alterneranno giornalmente tra visite ad ammalati e anziani, servizio mensa cittadino, pulizia delle spiagge e servizio radiofonico streaming.

“Non potendo vivere esperienze estive classiche - continua don Michele - a causa della recente pandemia, abbiamo pensato ad una forma in cui poter garantire qualcosa di utile e formativo per tutti nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anticovid previste”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 02 luglio 2020 alle 15:13 :

    La parrocchia come centro sociale anni '80? O come sede distaccata di Ong o Legambiente? Rispondi a Franco

  • Maria P. ha scritto il 02 luglio 2020 alle 07:54 :

    don Michele non pensa che sia riduttivo presentare il cristianesimo ai ragazzi solo come una serie di iniziative caritatevoli e sociali che possono fare anche altrove? Rispondi a Maria P.