Lo scontro politico

Riaperture istituti per l'ultimo giorno di scuola: è diatriba politica. Scelta su base volontaria

Il dirigente della scuola secondaria di primo grado Rocca-Bovio-Palumbo, prof. Antonio De Salvia, ha inoltrato una nota a genitori, docenti e alunni in cui fa sapere che l'istituto non potrà riaprire per l'ultimo giorno di scuola

Attualità
Trani giovedì 04 giugno 2020
di La Redazione
Scuola G. Bovio
Scuola G. Bovio © Tranilive.it

L'amministrazione comunale con una nota ha comunicato ai dirigenti degli istituti scolastici che avessero avuto intenzione di aprire gli istituti per "celebrare" l'ultimo giorno di scuola, potranno farlo ma nel pieno rispetto delle norme anti-contagio e in ambienti aperti. Una nota commentata dal presidente del consiglio comunale di Trani, Fabrizio Ferrante su Facebook: "In tante Città d'Italia si stanno organizzando e so che anche a Trani molti alunni e docenti stanno facendo richiesta ai dirigenti scolastici. Trovo che il saluto dopo un anno travagliato come questo sia un gesto di grande socialità".

Un primo parere contrario all'apertura di Ferrante verso "l'ultimo giorno di scuola vissuto con i compagni di classe" lo ha espresso la consigliera Francesca Zitoli ma nel pomeriggio di ieri è giunta anche una nota inoltrata a mezzo stampa del Movimento 5 Stelle firmata dai consiglieri Luisa Di Lernia e Vito Branà che criticano "l'estremo saluto" in maniera negativa, in quanto non ci sarebbe stato alcun parere favorevole del Comitato Tecnico-Scientifico a questa scelta.

"Se questa si dovesse trasformare in una necessità, con tanto di misure e regolamentata per la salvaguardia della salute di tutti, di certo, sarà rimessa alla decisione dei singoli ordini di scuola, dirigente scolastico, classi, insegnanti alunni e genitori e non sostenuta da dichiarazioni pubbliche sull’onda di un impulso emotivo che sta portando nella nostra, come in altre città, conseguenze discutibili, quali assembramenti e violazione delle regole sul distanziamento e sulla protezione individuale", scrivono Branà e Di Lernia.

"Possiamo, di sicuro, dire che questa pandemia, come sostiene lo stesso Galimberti, non ha insegnato nulla, anzi “si tornerà al precedente stile di vita con la foga di chi ha vissuto un periodo di astinenza”, e ci sembra che nella dichiarazione, di cui sopra, questa disamina ci stia tutta o forse è solo una pura necessità di propaganda in vista delle prossime elezioni, per fortuna i dirigenti scolastici non vengono nominati per suffragio e decidono secondo legge" chiosano.

Intanto il dirigente della scuola secondaria di primo grado Rocca-Bovio-Palumbo, prof. Antonio De Salvia, ha inoltrato una nota a genitori, docenti e alunni in cui fa sapere che l'istituto non potrà riaprire per l'ultimo giorno di scuola. Obiettivo settembre, quindi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marika moncelli ha scritto il 04 giugno 2020 alle 19:09 :

    Bravi la mia scuola l"ultimo saluto Rispondi a Marika moncelli

    Maria P. ha scritto il 05 giugno 2020 alle 08:55 :

    L'ultimo saluto potrebbe diventarlo davvero, in tutti i sensi. Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 04 giugno 2020 alle 12:40 :

    Diatriba? Inutile, come la proposta. Rispondi a Maria P.