Il rapporto

Turismo: Trani al secondo posto nella classifica regionale delle realtà culturali più conosciute

I dati forniti dall'osservatorio regionale del turismo di "Puglia Promozione" riguardanti il periodo 2019-2020

Attualità
Trani lunedì 17 febbraio 2020
di Michele Lorusso
I dati del rapporto
I dati del rapporto © n.c.

Dai dati forniti dall'osservatorio regionale del turismo di “Puglia Promozione”, riguardanti il periodo 2019-2020, emerge chiaramente quanto cresca il turismo in Puglia, grazie anche ai visitatori di tutto il mondo. Gli arrivi registrati sono pari a 4.2 milioni (+4% rispetto al 2018). 15,5 milioni le presenze (+2%) 1,2 milioni gli arrivi dall’estero (+11,5%) 3,8 milioni i pernottamenti internazionali (+8%). Sul fronte, invece, dei turisti italiani si registrano 3 milioni di arrivi nazionali (+1%), 11 milioni di pernottamenti di italiani (+0,1%), 3,7 notti di permanenza media.

La Puglia è all’ottavo posto a livello nazionale per presenze, con il 3,54%. La sesta provincia incide su tale dato per il 4,1% e le presenze per provincia sono il 2,5%.

Pur aumentando a rapida velocità il numero di strutture extra-alberghiere della Puglia (+46% rispetto al 2015) la capacità ricettiva della regione è rimasta pressoché invariata negli anni (284.250 posti letto totali nel 2019 con una variazione del +3% rispetto al 2015). Nel 2019 si registrano in Puglia 7.950 strutture ricettive di cui il 13% nella categoria alberghiera (38% dei posti letto regionali). L’incremento complessivo del numero di strutture è stato del +40% dal 2015 a oggi. Nella Bat ci sono ben 513 strutture che coprono il 2% dei posti letto a livello regionale.

Matera Capitale della cultura 2019” ha rappresentato anche per la Puglia motivo di affluenza di turisti e nella Bat sono giunti il 9,6% del numero complessivo a livello regionale. Più che soddisfacente nella sesta provincia anche la soddisfazione degli ospiti, rapportata alle tariffe delle strutture ricettive, che è pari all’88,2% su 10.352 recensioni analizzate.

Per ciò che riguarda il turismo culturale, alla domanda “saprebbe citare i nomi di tre località pugliesi rispetto a cultura?” in cima alla classifica delle risposte, al secondo posto, c’è Trani con il 14,90% e al terzo posto Andria con il 14,04%. Castel del Monte conquista il secondo posto con il 10,51%, della classifica “le attrazioni top of the mind” elaborata in base alle risposte ricevute alla domanda: “se pensa alla Puglia quali sono le prime tre attrazioni che le vengono in mente rispetto a cultura?”.

Le ricadute del turismo sull’economia sono più che positive. Il settore del turismo incide per 6,5 miliardi sui consumi finali (12,3% sui consumi totali). 9 miliardi in termini di valore aggiunto (13,6% del totale). 135.000 addetti (15,4% del totale) direttamente e indirettamente coinvolti nella filiera turistica formata da 52.000 imprese (il 38% del totale). La spesa turistica internazionale in Puglia secondo Bankitalia è aumentata del +3% da gennaio a settembre 2019.

Cosa aspettarsi per il 2020? Secondo le previsioni, ciò che prevarrà in quest’anno saranno le mete poco note che serviranno per ridurre il turismo di mazza e aiutare a proteggere l’ambiente, dato che il 54% dei viaggiatori a livello mondiale vuole fare la sua parte per ridurre l’overtourism (56% per la fascia d’età tra i 18 e i 25 anni). Anche la tecnologia darà il suo contributo a un “turismo diverso”, ovvero, il 59% del campione userà app per provare nuove esperienze, mentre Il 46% userà un’app per trovare e prenotare un’attività in tempo reale mentre è in viaggio e il 44% userà un’app per programmare in anticipo le attività da fare una volta a destinazione.

Lascia il tuo commento
commenti