​Il 5 ottobre, alle 19 sarà presentato nella cornice di Villa Vanda a Trani grazie ad una manifestazione organizzata dall’associazione “Divine del sud”. A dialogare con Daniela sarà Francesca Rodolfo, giornalista di Telenorba

"Oh Mà", la storia della mamma coraggio coratina diventa un libro e sarà presentato a Trani

«Racconto di cinque anni di tribolazione per mio figlio, da quando fu arrestato la prima volta fino alla latitanza. È un susseguirsi di avvenimenti "concentrati", emozioni, paure, ansie e poche gioie» spiega Daniela Manzitti

Attualità
Trani mercoledì 03 ottobre 2018
di La Redazione
"Oh Mà", la storia di Michael e della sua mamma coraggio diventa un libro «manoscritto» © Daniela Manzitti

Tutto è cominciato così. Con una penna che scorreva sulle righe di un foglio. A guidarla era la mano di una mamma coraggio, Daniela Manzitti. Qualche giorno prima di iniziare a scrivere aveva consegnato suo figlio ai carabinieri: preferiva vederlo in prigione che dover andare a trovarlo al cimitero per colpa di qualche delinquente. Oggi, a distanza di quasi un anno, la storia di Daniela e Michael è diventata un libro, un «manoscritto» come lei stessa ama chiamarlo.

Venerdì prossimo, 5 ottobre, alle 19 sarà presentato nella cornice di Villa Vanda a Trani grazie ad una manifestazione organizzata dall’associazione “Divine del sud”. A dialogare con Daniela sarà Francesca Rodolfo, giornalista di Telenorba.

Quale titolo hai scelto per il tuo manoscritto?
«L’unico possibile: “Oh Mà… perché? Storia di Michael, un ragazzo difficile”. Mio figlio mi chiama "Oh Mà", è un richiamo profondo, è un appellativo che racchiude l'essenza dell'amore materno, a volte l'ho interpretato come un grido d'aiuto silenzioso. È l'anello di congiunzione tra me e lui, è il simbolo della nostra storia».

È anche il nome dell’associazione che hai fondato…
«Sì, esatto. Proveremo ad aiutare qualcuno di questi giovani "difficili" a patto che siano veramente intenzionati a cambiare percorso. Saremo anche a disposizione di quei genitori che, come capitava a me, "non sanno dove sbattere la testa" quando vedono che i loro figli stanno subendo una trasformazione. Proveremo a dare loro un sostegno legale e psicologico, in forma strettamente personale. Io lo so per esperienza che non è facile ricorrere ai servizi sociali per ovvie motivazioni e non è neanche facile denunciare i propri figli alle Forze dell'Ordine. Vorrei che "Oh Mà", fosse una "via di mezzo", l'anello mancante che io cercavo disperatamente».

Torniamo al manoscritto. Com’è nato?
«Iniziai a scrivere subito dopo la famosa lettera e andavo come un treno. Poi c’è stato il blitz che ha “strappato” Michael dalla Comunità di Don Mazzi per portarlo nel carcere di Melfi. Ho perso grinta e concentrazione ma, dopo poco, ho detto a me stessa che ciò che avevo scritto mi era costato così tante lacrime da non poter essere gettato nel dimenticatoio. Ho trovato la forza di terminarlo.

Racconto di cinque anni di tribolazione per mio figlio, da quando fu arrestato la prima volta fino alla latitanza. È un susseguirsi di avvenimenti "concentrati": non essendo una scrittrice, non ho saputo far altro che descrivere gli avvenimenti, aggiungendo le mie emozioni, le mie paure, le mie ansie, le mie poche gioie. Tutto, chiaramente, è relazionato alle vicende di mio figlio. Parlo del momento in cui morì suo padre e delle difficoltà per farlo tradurre in ospedale, all’epoca era detenuto a Trani.

Parlo di episodi che oggi posso definire sintomi della sua "inizializzazione" all'illegalità. Delle sue tante malefatte e delle sue poche paure. Ho inserito le lettere dei suoi primi arresti da cui emergono, molto sottovoce, le sue fragilità. C'è anche un po' di corrispondenza tra lui e suo padre che, anch'egli detenuto a Sala Consilina, era allo scuro del fatto che lui fosse nel carcere di Trani. Ho inserito documenti che attestano fatti di cronaca che lo vedono coinvolto. Venerdì spero di trovare un editore interessato. Per ora ho dato alle stampe poche copie, a mie spese».

Qualche giorno hai consegnato il manoscritto a Papa Francesco. Cos'hai provato?
«Una emozione immensa. Circa 4-5 mesi fa scrissi una lettera al Papa raccontando di mio figlio e del mio progetto associazione. Voleva saperne di più e mi ha convocata con altre persone testimoni di storie drammatiche. Gli ho portato il manoscritto e ha detto che lo avrebbe letto attentamente. Lo ha molto colpito la nostra storia, ho potuto raccontargliela brevemente. Prima di salutarmi ha detto: “mi ricorderò di voi”. Spero che la sua benedizione riesca a porre fine a questa serie di circostanze sfortunate, che finalmente nelle nostre vite accada qualcosa di bello. Ho molti progetti e ho bisogno di tanta forza: non posso permettermi di cedere, sarebbe la fine per mio figlio e per chi gli vuole bene».

Lascia il tuo commento
commenti