Rino è infermiere e scrittore, ogni volta che si ferma nasce una storia

Doppio senso di marcia sul lungomare. Negrogno: "Inutile oggi come allora"

Si procedeva a passo d’uomo, ma con l’auto lucidata, il finestrino aperto e, ogni volta che si incrociava la ragazza, in sostituzione dei post allettanti e delle poesie, si inviavano sornioni sguardi ammiccanti

Attualità
Trani domenica 27 maggio 2018
di La Redazione
Lungomare, foto da Trani piazza anni 80
Lungomare, foto da Trani piazza anni 80 © Facebook

Ai miei tempi non esisteva Facebook e nemmeno i cellulari, se ti piaceva una ragazza, soprattutto d’estate, nella stagione degli amori, dovevi necessariamente sperare di incontrarla sul lungomare, preferibilmente in auto perché far notare all’ambita di possedere un’autovettura a soli diciotto, vent’anni, poneva in considerevole vantaggio per la riuscita del corteggiamento. La tattica più in voga consisteva nel percorrere ripetutamente il lungomare, partendo da largo Chiarelli, nei pressi della villa comunale, fino alla rotonda situata a Colonna in piazza Marinai d’Italia, con puntata veloce al Monastero. Si procedeva a passo d’uomo, ma con l’auto lucidata, il finestrino aperto e, ogni volta che si incrociava la ragazza, in sostituzione dei post allettanti e delle poesie, si inviavano sornioni sguardi ammiccanti. Ovviamente, come oggi, non era sufficiente un solo post, ne erano necessari diversi, per cui, periplo veloce della rotonda e si tornava indietro. Non era facile come oggi anche perché i “mi piace” non erano diretti, si doveva interpretare e non sempre si interpretava correttamente.

C’era anche Pinuccio Tarantini a posare sul lungomare, poi è invecchiato e si è iscritto su Facebook e il doppio senso di marcia su lungomare non serviva più. Aldilà dell’inutilità del doppio senso di marcia per il lungomare con conseguente eliminazione della pista ciclabile, oggi come oggi, ma, tutto sommato, era inutile anche allora, ciò che con grande perplessità mi chiedo, leggendo, sempre su Facebook, che tutti si dichiarano contrari e dichiarano che si opporranno a questo nostalgico ritorno al passato, mi chiedo chi lo brami, chi sia lo sfigato, a chi dobbiamo opporci?

Alcuni lasciavano penzolare il braccio dal finestrino.

Alveare 2017

1 Ernesto Che Guevara - 2 Al capezzale dei vecchi - 3 La visita medica - 4 Il sindaco è come il pesce - 5 L'incidente dell'ambulanza - 6 Le nonne che giocavano a tombola - 7 Vi racconto il mio primo appuntamento al buio con una donna - 8 Barresi-Bottaro: che brutta storia - 9 Lei è un medico? Una donna? - 10 Quello strano fascista di Pinuccio Tarantini - 11 Rossella è andata via da Trani - 12 Disabili vs. normodotati. Volete sapere chi ha vinto? - 13 Ciao Ivan, compagno di liceo - 14 Lettera di Gesù Bambino - 15 Non sparate a Capodanno

Alveare 2018

1 Il problema etico di Giuseppe Tarantini - 2 Il Pronto Soccorso - 3 Il corte di Acca Larentia - 4 La razza del mio cane - 5 Alfredo Albanese - 6 Quale giorno della memoria? - 7 Sai già a chi votare? - 8 Caro Michele - 9 Sanremo senza Facebook - 10 Una campagna elettorale monotona - 11 Cara, brumosa, desolata periferia - 12 La favola di Sfortunina - 13 Gli occhi di Marilena - 14 Il furto al centro trasfusionale - 15 Attaccatevi al tram - 16 Nicola, novantasei anni. Colto da malore - 17 La stiratrice Isoardi - 18 Violenza contro anziani e lavoro sottopagato delle badanti - 19 Così festeggiate la Liberazione? - 20 Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono - 21 Don Dino, il sacerdote di quartiere - 22 L'arrivo di Emiliano - 23 Un vaccino per la solidarietà - 24 L'uomo nudo con le mani in tasca

Altri articoli

Odierei gli indifferenti - L'albero segato

Lascia il tuo commento
commenti