Comunicato stampa

Giunta assente, il Comitato Bene Comune: "Rischiamo di perdere finanziamenti importanti"

Con la nota il Comitato fa riferimento ai bandi del MITE/PNRR relativi ai progetti di miglioramento della differenziata

Attualità
Trani giovedì 13 gennaio 2022
di La Redazione
Parte la raccolta differenziata a Trani
Parte la raccolta differenziata a Trani © TraniLive

"Nelle more" dell'indizione della nuova giunta comunale, il Comitato Bene Comune inoltra a mezzo stampa un comunicato nel quale denuncia le scadenze di bandi che potrebbero "rappresentare un importante supporto per i Comuni".

"Ci riferiamo nello specifico ai bandi del MITE/PNRR relativi ai progetti di miglioramento della raccolta differenziata - per i quali è stato siglato di recente un accordo tra Conai, Anci e Ager/Regione Puglia - la cui scadenza è in dirittura di arrivo. Sono 4 i tipi di intervento finanziabili sulla base di questo accordo, e riguardano isole ecologiche intelligenti per ottimizzare la raccolta differenziata, attrezzature in grado di selezionare e ridurre volumetricamente i rifiuti, strumentazione hardware e software per l’attivazione della tariffazione puntuale e, infine, centri di raccolta comunali" scrivono.

Ciascun comune può concorrere, con la presentazione di una proposta progettuale “tipo”, personalizzata e declinata sul proprio territorio, al finanziamento di uno dei suddetti interventi, ma la scadenza è prevista per metà febbraio. "Sarebbe un vero peccato lasciarsi sfuggire una di queste opportunità, come quella ad esempio di introdurre la tariffazione puntuale - che già da tempo auspichiamo - che consentirebbe di far pagare ai cittadini in base ai rifiuti indifferenziati prodotti, incentivando di conseguenza una sempre maggiore responsabilizzazione nella gestione individuale dei rifiuti" continuano nella nota.

"L’invito che rivolgiamo dunque all’amministrazione è di comunicare alla città se e quali progetti ha presentato, o presenterà nei termini prescritti, per intercettare questi fondi, utili per migliorare la qualità dell’ambiente. In alternativa, in un momento delicato come quello che stiamo attraversando, la paralisi dell’attività amministrativa potrebbe rappresentare un costo davvero poco sostenibile".

 

 

Lascia il tuo commento
commenti