Le dichiarazioni

"Si viveva tra il bene e la pazzia": Telenorba in diretta sul porto dopo dichiarazione del boss

Le telecamere di Mattino Norba in diretta questa mattina sul porto di Trani per raccogliere testimonianze e pareri dopo la dichiarazione shock di Salvatore Annacondia

Attualità
Trani lunedì 04 ottobre 2021
di La Redazione
Mattino Norba in diretta dal porto di Trani
Mattino Norba in diretta dal porto di Trani © Mattino Norba

"Volevo far saltare la Cattedrale". Una dichiarazione, quella rilasciata a Telenorba dall'incontrastato boss pugliese degli anni ’80 Salvatore Annacondia, che ha suscitato sgomento e inquietudine in un tutto il territorio pugliese e, ancor di più, in quello tranese e che ha spinto le telecamere di Telenorba a recarsi questa mattina a Trani per raccogliere testimonianze, ricordi dell'epoca e impressioni sulla struggente dichiarazione. "Me lo ricordo. Ho visto l'intervista e da come ha parlato penso che avrebbe davvero potuto farlo" afferma un cittadino. "È stato un periodo in cui si viveva tra il bene e la pazzia". In merito alla notizia del furto dell'auto di due turisti avvenuta a Trani questa mattina, continua: "All'epoca si doveva dar conto a lui di tutto, anche di queste cose".

Nell’intervista di Antonio Procacci andata in onda lo scorso venerdì nel corso della trasmissione “Il Graffio”, "manomozza" riferisce che sta meditando di tornare a Trani: “Non certo per vendere caramelle o gelati", sottolinea. "Fu il cambio di generalità a cancellare Salvatore Annacondia, ma ora lo Stato ha deciso che devo tornare Annacondia”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 04 ottobre 2021 alle 16:10 :

    Ormai non si può più descrivere impunemente la storia di una città come un romanzo criminale. Chi continua a farlo ha un suo interesse: le tv soprattutto di audience, i vecchi boss di memoria, la politica di presentarsi come l'antidoto. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 04 ottobre 2021 alle 14:05 :

    A volte ritornano.....purtroppo. Rispondi a Franco