Sanità Malata

Rianimazione e Day Surgery, il Pd torna a chiedere un incontro sul futuro dell’Ospedale

Nota polemica del Segretario politico Amoruso e dell'ex Sindaco Avantario: gli impegni presi vengano rispettati

Politica
Trani lunedì 30 marzo 2015
di La Redazione
L'Ospedale di Trani
L'Ospedale di Trani © n.c.

«All’indomani dell’insediamento al vertice della Asl Bt del Commissario Straordinario dr. Ottavio Narracci avvenuto alcuni mesi fa, oltre al saluto di benvenuto, esprimevamo soddisfazione per la conferma nella equipe della Direzione Generale, del dr. Capozzolo come Direttore Amministrativo e del dr. Di Terlizzi come Direttore Sanitario, ritenendo tali scelte operative utili per poter affrontare da subito le notevoli problematiche che interessano la sanità nella Bat ed, in particolare, le urgenze che riguardano il presidio ospedaliero di Trani:  1) liste d’attesa scandalose ed inaccettabili; 2) mancata apertura delle sale operatorie a servizio del day surgery; 3) mancata apertura della casa del parto;  4) paventata trasformazione del Pronto Soccorso in punto di primo soccorso».

A ricordarlo è il Partito democratico di Trani, in una nota a firma del segretario politico Nicola Amoruso e dell'ex Sindaco Carlo Avantario.

«Oggi apprendiamo che il reparto di rianimazione, già destinato da tempo ad essere trasferito in via definitiva presso il presidio ospedaliero di Bisceglie, in attesa del completamento del reparto di tale presidio, verrebbe trasferito nelle sale operatorie predisposte al servizio del day surgery di Trani perché ci si accorge (meglio tardi che mai), che le condizioni di sicurezza del reparto di rianimazione attualmente esistente a Trani, non sono rispondenti agli standard previsti. Viene allora spontanea una domanda: dopo tante risorse impiegate per adeguare il blocco operatorio agli standard più moderni, dopo oltre due anni che si attendeva la ripresa dell’attività chirurgica a Trani, si cambia ancora progetto? e che ne è degli impegni presi con la cittadinanza circa l’attivazione del Day Surgery a Trani?».

«Ancora una volta - concludono - le decisioni si prendono, non solo senza alcun confronto con la comunità locale, ma addirittura senza neppure informare la cittadinanza! Da tempo avevamo chiesto un confronto con la Direzione Generale della Asl Bt per chiedere una tempestiva apertura del Day Surgery a Trani e invece constatiamo con rammarico che le ultime decisioni potrebbero rinviare sine die l’apertura di tale struttura. Tutto ciò avviene mentre la nostra Città è priva di una guida politica e non può autorevolmente esplicitare le ragioni del proprio dissenso. Pertanto abbiamo chiesto nuovamente al Direttore Generale un incontro urgente per discutere delle emergenze della sanità a Trani. In particolare chiediamo la garanzia che vengano rispettati gli impegni già definiti da tempo, avvertendo che la cittadinanza tranese è stanca di essere continuamente raggirata».

Lascia il tuo commento
commenti