Avantario: "Bravo Tarantini, Trani merita la sede della Asl Bat"

La questione ospedale unico Trani-Bisceglie è tornata al centro del dibattito politico cittadino

Cronaca
Trani giovedì 27 maggio 2010
di redazione
©

L'argomento è tornato prepotentemente alla ribalta della politica cittadina. L'intervento del capogruppo del Pd Fabrizio Ferrante, pur provocando la risentita reazione del Sindaco, Pinuccio Tarantini, ha avuto il merito di rilanciare la discussione sulla questione dell'Ospedale unico Trani-Bisceglie.

Oggi, sulla vicenda interviene l'ex Sindaco di Trani, Carlo Avantario, primario di Ginecologia presso il San Nicola di Trani. Ecco il testo integrale delle sue riflessioni.

«Mi fa piacere che si prenda a cuore la questione dell'ospedale unico Trani-Bisceglie e che si entri nell'ottica dell'opportunità che queste due città hanno di dare risposte sanitarie efficaci e all'avanguardia ai loro cittadini, competitive con Andria e Barletta. Non posso però esimermi dall'intervenire sulla questione Ostetricia, per rispetto di tutti gli operatori sanitari che prestano servizio presso il nuovo reparto tranese di "Ostetricia e ginecologia-senologia" che viene ingiustamente definito "fantasma" senza considerare le prestazioni mediche che ogni giorno vengono assicurate alle donne della nostra città e della ASL BAT.

E' un reparto reale, vivo e vitale, che sta pian piano andando a pieno regime con il necessario assetto strutturale ed organico che si va via via completando. Per chi legge in maniera strumentale può sembrare un'opera incompiuta per la mancanza del punto nascite, ma questo è solo un punto di partenza verso il traguardo finale, cioè la tanto attesa sala parto,nonostante la mancanza della quale, oggi si assicurano in questo reparto prestazioni di diagnosi e chirurgia ginecologica e senologica, medicina prenatale.
E' facile sottolineare quello che ancora non è stato fatto, ma allora credo sia giusto sottolineare quello che è avvenuto nelle precedenti legislature. Giunta Fitto: chiusura di ostetricia e ginecologia, pediatria, cardiologia, neurologia, urologia, rianimazione, declassamento ad unità semplice di urologia, ortopedia, medicina generale, declassamento del pronto soccorso a "punto di primo intervento". Vendola ha potenziato medicina generale ed urologia come unita' complesse, tra l'altro consegnando un nuovissimo reparto di chirurgia-urologia, ha istituito medicina dello sport,ha inaugurato la nuova ginecologia-senologia, ha mantenuto la rianimazione e il pronto soccorso,che nonostante il rallentamento dei lavori dovuto a cause a lui non imputabili, è stato per il momento adeguato e funziona a regime con l'impegno del suo personale.

Un plauso inoltre all'iniziativa del nostro Sindaco che candida la nostra città ad ospitare la sede della ASL BAT, offrendo come immobile il Convento Agostiniano, sia perchè Trani è cocapoluogo di provincia, una provincia policentrica, sia perché questa proposta ben si sposa con il progetto di ospedale unico Trani-Bisceglie».

Lascia il tuo commento
commenti