La protesta

Vaccini e Autismo, i Pediatri di Trani non ci stanno e accusano

In una nota contestano le affermazioni del dott. Montinari nel corso del convegno organizzato da La Bussola

Cronaca
Trani martedì 21 gennaio 2014
di La Redazione
vaccino
vaccino © n.c.

«I Pediatri di Trani esprimono il loro disappunto per quanto avvenuto in occasione dell'incontro organizzato sabato 11 gennaio presso l'auditorium di S. Luigi in Trani, dall'associazione culturale " La Bussola" su "VACCINI e AUTISMO - tutto quello che c'è da sapere ". Relatori erano il dott. Massimo Montinari, medico chirurgo ed il dott. Michele Ruggiero, sostituto procuratore della Repubblica di Trani. Moderatore: Fabrizio Ferrante, avvocato».

E' quanto si legge in una nota a firma dei più noti pediatri tranesi: Carmone, Franco, Grilli, Vania, Nugnes, Alicino, Bombino e Giobbe.

«Abbiamo ascoltato la relazione del dott. Montinari - scrivono i Pediatri tranesi -, che pur non essendo specialista in Pediatria, ha insistentemente ribadito sulla inopportunità dell'esecuzione della pratica vaccinale nell'infanzia, evidenziando pubblicamente a parole quali fossero le implicazioni negative soprattutto nel determinismo di gravi esiti neurologici e disabilità neuro-comportamentali senza l'apporto visivo di nessuna evidenza "scientifica" in merito. La teoria avanzata da Montinari è stata presentata in modo reciso come se fosse una " verità assoluta " avallata anche dall'esplicito consenso del dott. Ruggiero».

«Il tutto si presentava, palesemente - aggiungono -, non come un sereno dibatto informativo sulla reale funzione della pratica vaccinale, anche per l'assenza di un contradditorio, ma come un atto di accusa nei confronti della pediatria ufficiale. Inoltre, non è stato possibile, da parte nostra, rispondere ed avanzare le giuste spiegazioni che ci motivano a consigliare le vaccinazioni nell'infanzia, valutandone ogni volta l'opportunità, a causa dell'ambiente ostile che si andava creando sulla scia delle affermazioni destabilizzanti ed erroneamente informative e per la qualità dell'uditorio in massima parte costituito da persone con figli diversamente abili».

«Noi Pediatri di Trani - attaccano - siamo scientificamente convinti della validità della pratica vaccinale sia per nostra scienza e coscienza e sia perchè confortati dalle affermazioni (tra tante altre) del Ministero della Sanità che nel suo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (2012 - 2014) ribadisce che la vaccinazione rappresenta uno degli interventi più efficaci e sicuri a disposizione della Sanità Pubblica per la prevenzione primaria delle malattie infettive e che tale pratica comporta benefici non solo per effetto diretto sui soggetti vaccinati, ma anche in modo indiretto, inducendo protezione ai soggetti non vaccinati (herd immunity). Tanto ribadiamo per onestà scientifica ed intellettuale». 

Lascia il tuo commento
commenti