La settimana dedicata alla canzone italiana

Come seguire Sanremo senza annoiarsi, parola all'esperto

Antonio Conte, ideatore del "Festival di Santeramo", suggerisce alcuni motivi: gruppi di ascolto sui social, tifare per i pugliesi in gara, scoprire le stelle nascenti della musica indie pop

Trani martedì 06 febbraio 2018
di Nicola Palmiotto
Festival Sanremo
Festival Sanremo © Fanpage.it

Ammettetelo, una volta nella vita l’avete fatto: acquistare il numero di “Sorrisi e Canzoni” in cui ci sono tutti testi dei brani in gara a Sanremo. C’era un tempo in cui la settimana del Festival, soprattutto se appartenete alla generazione pre-internet, monopolizzava la vostra vita (canticchiavate le canzoni sui banchi di scuola criticando il presentatore di turno).

Poi però ad un certo punto avete deciso di snobbare il Festival deridendo chi ancora si appiccicava al video: «Ancora Sanremo guardi? Non è più come una volta quando ci andavano i grandi artisti e si vendevano i dischi» (anche se poi mi piacerebbe sapere quanti hanno in casa un vinile di Toto Cotugno). Ma anche gli snob seriali o gli hater incalliti quando arriva la fatidica settimana del Festival di Sanremo non si possono sottrarre dal rito collettivo nazional-popolare che si ripete incessantemente da ormai 68 anni.

Perciò abbiamo chiesto ad un intenditore della materia come Antonio Conte, pugliese di Locorotondo, musicista e ispiratore (insieme ad altri amici) di fantastici fenomeni dell’internet come il Festival di Santeramo le Olimpiadi invernali di Toritto 2017 e Coachellamare music festival (diventato poi un festival vero e proprio) di elencare i cinque motivi per cui si può guardare Sanremo senza annoiarsi. Eccoli.

I social
Come tutti gli anni e in puro stile italico (non a caso siamo il Paese dei 56 milioni di commissari tecnici e di direttori artistici) il Festival di Sanremo è per antonomasia il momento per far sapere agli altri il proprio parere su qualsiasi cosa. Per questo motivo esistono (ed esisteranno per sempre) sui social network i vari “gruppi di ascolto” tra cui il “pugliesissimo” Festival di Santeramo, nel quale l’anno scorso, abbiamo cercato di travisare e raccontare in salsa pugliese, tutto ciò che accadeva nel Festival vero e proprio. Ci riproveremo quest’anno con nuova verve e idee particolari. Comunque cercando sul web o semplicemente usando alcuni hashtag sul proprio profilo social si può far sapere tutto a tutti.

I pugliesi in gara
Quest’anno la pattuglia pugliese è ben rappresentata da artisti di gran valore come lo strafavorito Ermal Meta (in coppia con Fabrizio Moro), il brindisino Bungaro (in trio con Ornella Vanoni e Pacifico), il tarantino Diodato (con Roy Paci) e soprattutto voglio fare una menzione speciale al grande amico Renzo Rubino, di Martina Franca, che ha deciso di rimettersi in gioco dopo le passate esperienze al Festival, con un gran pezzo prodotto da un altro grande pugliese Giuliano Sangiorgi (Negramaro), che vi assicuro è davvero molto intenso ed emozionante.

Le rivoluzioni
Baglioni sdogana l’indie (o ItPop che dir si voglia) al Festival della musica Italiana con la presenza tra i Big de “Lo Stato Sociale”. La band elettropop bolognese, seguitissima sul web, non mancherà di far parlare di sé e di portare curiosità intorno ad un mondo magari sconosciuto ai 56 milioni direttori artistici di cui sopra. Stesso discorso (all’inverso) per i “Decibel”, storica band di Enrico Ruggieri riformatasi per l’occasione, motivo buono per far capire agli “indiesagiati” da dove proviene tutto quello che ascoltano ora. Tra i giovani straconsiglio “Mudimbi”, questo ragazzo lo vedrete presto ovunque: è uno showman a tutto tondo.

Niente più cover
Niente eliminazioni per i big in gara e (finalmente!) niente più cover del passato ma riarrangiamento dei propri brani con ospiti. È davvero una sorpresa pensare che Claudio Baglioni abbia capito che le cover band non funzionano più e che “anche se portano più gente al locale, ne risenti in termini di cachet e di qualità artistica”.

La vera star sei tu
Se proprio non vi va di guardare il Festival c’è pur sempre l’ultima settimana di Carnevale, esiste Netflix, si può piangere con Maria De Filippi a “C’è posta per te”, o se ci si sente migliori di quelli che cantano in tv ci si può chiudere in camera o in studio e impegnarsi a scrivere un pezzo: potreste fare un favore alla musica italiana.

Lascia il tuo commento
commenti