L'evento si svolge presso il Polo Museale

"Chi l'ha detto che le storie vanno semplicemente lette e non danzate?"Oggi ultima domenica d'Autore

A danzar le storie è un progetto di BoaOnda e QuaLiBò e rientra in una programmazione che, ormai, è un appuntamento fisso. Le Domeniche d’Autore…al Museo da già appuntamento al 2019

Cultura
Trani domenica 15 aprile 2018
di La Redazione
Visitatori al Polo Museale
Visitatori al Polo Museale © n.c.

Uno spazio pieno di bambini e genitori giunti, alcuni, insieme alle insegnanti, tutti per passare una domenica pomeriggio di primavera al Polo Museale di Trani in compagnia del libraio dei ragazzi, Enzo Covelli e dell’illustratore tranese, ormai noto per la sua arte in tutta Europa, Massimiliano di Lauro.

Ci si prepara all’ultimo appuntamento di questa seconda edizione della rassegna con un momento davvero speciale: "A Danzar le storie Supergender, perché, chi lo ha detto che le storie vanno semplicemente lette e non danzate?"

Scopriremo degli universi di genialità, fantasia, acrobazia, concentrazione, astuzia, che sembrano non avere confini e distinzioni...ma sarà davvero così? L’invito è a scoprirlo con noi domenica 15 aprile alle 18 al Polo Museale di Trani, piazza Duomo 8/9.

A danzar le storie è un progetto di BoaOnda e QuaLiBò e rientra in una programmazione che, ormai, è un appuntamento fisso. Le Domeniche d’Autore…al Museo, infatti, salutando i piccoli e grandi utenti e partecipanti, danno già appuntamento a marzo 2019, con una serie di sorprese e novità.

Voluti e pensati dalla Fondazione S.E.C.A. e dalla libreria Miranfù, gli appuntamenti si presentano come un modo friendly di frequentare e fare propri gli spazi museali, rompendo le barriere della distanza e accogliendo visitatori e partecipanti alle attività come in una grande casa fatta di storia e di storie.

Quest’anno l'evento è in collaborazione con il Consiglio Regionale della Puglia, Teca del Mediterraneo, Save – sportello antiviolenza di genere ed antistalking, cooperativa sociale Promozione sociale e solidarietà onlus e Matilde edizioni, casa editrice foggiana che, insieme, si sono impegnati ad educare alla differenza, contrastare gli stereotipi e prevenire la violenza.

L’appuntamento di oggi è rivolto a bambine e bambini dai 6 anni ai 10 anni.

Si consigliano vivamente abiti comodi e calze antiscivolo.

L’ingresso è libero e la prenotazione obbligatoria al numero 0883.582470

Lascia il tuo commento
commenti