Presentazione della band

"Uno, tanti nel blu": ecco chi sono i Medison

Sono la band rivelazione su tutte le digital download e piattaforme streaming e sono al 180 posto in classifica Meiweb, la piattaforma che da spazio alle nuove uscite indipendenti ed emergenti italiane

Cultura
Trani sabato 04 novembre 2017
di Ottavia Digiaro
I Medison
I Medison © n.c.

«Ho cominciato a suonare quando avevo 13-14 anni. Per caso ho conosciuto Francesco, mentre eravamo ad un evento a cui ci avevano chiesto di suonare. Subito è nata un’amicizia e chiesi di mettere su una band. La sua risposta? Un sorriso a 72 denti» . A raccontarsi è il chitarrista Fabrizio Loiodice e il Francesco di cui parla è il tranese Francesco Cioffi. A loro poi si sono aggiunti Andrea e Antonio Piangiolino e la new entry Mario Ardito.

Loro sono i Medison, la band rivelazione su tutte le digital download e piattaforme streaming. Sono al 180 posto in classifica Meiweb, la piattaforma che da spazio alle nuove uscite indipendenti ed emergenti italiane, dove sul podio troviamo Caparezza (con cui I Medison condividono il fonico), Coez ed Elio e le storie tese. Ed è proprio il brano “Un’altra birra però” con cui sono in classifica quello scelto per cominciare la serata di presentazione della band che si è svolta ieri sera presso il Teatro Mimesis.

Ad unire Francesco, Fabrizio, Antonio, Andrea e Mario è la passione per la musica, ma soprattutto l’idea che la musica regala emozioni che vengono poi elaborate nelle vite di tutti i giorni. Trasformano le parole in musica e la musica in emozione. Raccontano della loro vita e dicono che “La vita di un musicista è folle. Ringraziamo le nostre famiglie che ci sostengono e ci amano”.

Durante la serata grazie anche alla giornalista Nadia Macrì si respira felicità e amore. Ma non l’amore come un sentimento banale, ma come qualcosa che va oltre e diventa un atto di volontà. “Non si può amare qualcuno senza prendersene cura, ma l’amore va costruito.”

Attraverso le loro canzoni da “Il senso di tutto” a “Identico”, da “Prima che le nuvole tornino a piovere” a “Uno nel blu”, i Medison presentano il loro ultimo album Identico. E pongono ai presenti e non la domanda “Che cos’è l’amore per te?” . Le risposte saranno poi raccolte sulla loro pagina Facebook e chissà cosa realizzeranno.

Ospiti della serata anche il pittore Lorenzo Ardito, che ha realizzato dei quadri prendendo spunto e ascoltando le canzoni dei Medison,“La musica è vita – sottolinea- e il blu è il colore della bellezza” e Alessia Vania e Mariablu Scaringella di Piani Paralleli, il progetto che si occupa di comunicazione digitale e fanno interagire tra loro musica, fotografia e arte.

Ma Medison significa figli del Mediterraneo ed è proprio la vocazione del nostro territorio, quella di andare incontro all’altro che ha ispirato il nome alla band. Le loro canzoni costruiscono una nuova umanità, vivono nell’ottica dell’incontro con l’altro e raccontano la voglia di andare controcorrente.

Medison è anche associazione e realizza anche spettacoli con migranti, e ieri sera hanno dato un assaggio dello spettacolo “In(di)visibili” che portano in giro. Lo spettacolo nasce dalla convinzione che tutti abbiamo talenti che possiamo donare agli altri.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette