"Di queste iniziative dovrebbero essere fatte tante. La cultura, in questo caso, serve a cucire, raccordare ulteriormente territorio e giustizia"

Il Consiglio Regionale della Puglia regala copie di «Benvenuti in Paradiso» ai detenuti del Carcere

A consegnare i libri alla Direttrice degli Istituti Penali di Trani,Angela Anna Bruna Piarulli, in rappresentanza del Presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, ci sarà il consigliere regionale Ruggiero Mennea

Cultura
Trani martedì 27 giugno 2017
di La Redazione
Carcere
Carcere © web

Dal Consiglio Regionale della Puglia ai detenuti degli Istituti penali di Trani: alcune decine di copie di «Benvenuti in Paradiso» (Youcanprint), il romanzo scritto a quattro mani dal cronista di nera Gianpaolo Balsamo de «La Gazzetta del Mezzogiorno» e dal Capitano dei carabinieri Palma Lavecchia, saranno donate mercoledì mattina all’interno della Casa Circondariale maschile di Trani durante un incontro voluto dagli stessi autori del Libro ormai prossimo a tagliare il traguardo delle 1000 copie vendute.

A consegnare i libri alla Direttrice degli Istituti Penali di Trani,Angela Anna Bruna Piarulli, in rappresentanza del Presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, ci sarà il consigliere regionale Ruggiero Mennea che è anche Presidente del Comitato regionale permanente di Protezione Civile.

Il Presidente Mario Loizzo ha evidenziato il significato di un dono che vuole rappresentare una forma di contatto col mondo carcerario, di attenzione ai reclusi ed agli operatori.

«Di queste iniziative dovrebbero essere fatte tante. La cultura, in questo caso, serve a cucire, raccordare ulteriormente territorio e giustizia. Il Consiglio regionale della Puglia – ha ricordato il consigliere regionale Ruggiero Mennea - è sempre attento a valorizzare le capacità culturali dei suoi cittadini e di chi, come Gianpaolo Balsamo e Palma Lavecchia, si spendono quotidianamente per la cultura e, attraverso essa, per l’inclusione sociale. Iniziative del genere meritano il sostegno delle Istituzioni ed il plauso della comunità».

All’incontro, organizzato dalla Direzione degli Istituti penali di Trani, parteciperanno anche i due autori di «Benvenuti in Paradiso», la Dott.ssa Angela Anna Bruna Piarulli, Direttrice degli Istituti Penali di Trani, la Dott.ssa Elisa Pellegrini, Responsabile Area Pedagogica degli Istituti Penali di Trani, Carlo Sacco, Giornalista di Video Italia Puglia in qualità di moderatore e Don Riccardo Agresti, Parroco della Chiesa S. Maria Addolorata alle Croci di Andria, promotore già da alcuni anni di iniziative filantropiche all’interno degli Istituti Penitenziari di Trani e, non da ultimo, del progetto «Senza sbarre» che si pone l’obiettivo di creare lavoro e una rete di accoglienza residenziale e semiresidenziale per detenuti ed ex, nell’agro di Andria, tramite l'Associazione "Amici di San Vittore". «Apprezziamo molto la sensibilità mostrata dal Consiglio regionale della Puglia e dall’amministrazione penitenziaria. Oltre che presentare il nostro Libro alla popolazione carceraria tranese – spiegano Gianpaolo Balsamo e Palma Lavecchia – vogliamo dimostrare che la lettura di un libro apre un mondo nuovo, che può essere occasione di rinascita e svago anche per chi è in condizioni difficili e dolorose».

«Benvenuti in Paradiso», che contiene la Prefazione di Al Bano Carrisi e la Postfazione di Antonio Miazzolo, presidente della Federazione Italiana Onoranze Funebri, racconta la crescente ostilità tra due impresari di onoranze funebri concorrenti - e peraltro adiacenti - che escogitano ogni possibile sistema per annientarsi a vicenda, fino a quando un evento del tutto inaspettato modificherà per sempre il loro destino. A fare da sfondo a questa divertente commedia, adatta a ogni tipo di pubblico, la straordinaria terra di Puglia, con tutta la ricchezza di colori, di paesaggi e di sapori che la rendono decisamente unica. Un autentico Paradiso…

E proprio attraverso i due impresari e le loro vicende, oltre che parlare di «pugliesità», si inviterà i detenuti che saranno presenti all’incontro a riflettere sui grandi temi come la morte, la fede e il dolore in momenti di grande impatto emotivo. Temi questi che basterebbero a convincere chiunque a non delinquere e ad apprezzare di più la vita.

Lascia il tuo commento
commenti