Il fatto

Assalti ai bacomat della Bat con esplosivi, quattro arresti all'alba

In azione i carabinieri con il supporto anche di un elicottero

Cronaca
Trani venerdì 10 novembre 2017
di La Redazione
Il materiale sequestrato dai carabinieri
Il materiale sequestrato dai carabinieri © n.c.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari, supportati da un velivolo dell’6° Elinucleo di Bari, alle prime luci dell’alba, hanno dato esecuzione a 4 ordinanze di custodia cautelare (2 delle quali in carcere e le restanti in regime domiciliare), emesse dal GIP del Tribunale di Trani, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili di detenzione e occultamento di armi e congegni esplosivi utilizzati per compiere assalti armati agli sportelli bancari automatizzati (bancomat), in concorso tra loro.

Le misure cautelari scaturiscono da un’indagine avviata nel maggio 2017 dalla Compagnia di Andria, a seguito della preoccupante escalation dell’incidenza dei furti aggravati ai danni degli ATM degli istituti di credito, ubicati nel territorio di Andria ed in quelli limitrofi, mediante la deflagrazione di congegni esplosivi, di fattura artigianale, realizzati in serie, denominati nel lessico criminale marmotte.

L’inchiesta, sostenuta da attività tecniche e dinamiche, ha messo in luce l’esistenza di un gruppo criminale strutturato e specializzato nel fornire alle squadre di malavitosi che, di volta in volta, perpetravano i predetti delitti, una piattaforma logistica protetta all’interno delle caverne dell’alta Murgia, ove aveva cura di occultare numerose armi e i dispositivi deflagranti.

L’attività investigativa ha tra l’altro individuato, in un noto pregiudicato andriese, Vincenzo Di Bisceglie, detto “Marcddin”, il capo della compagine e si è giovata degli esiti delle analisi di laboratorio, svolte ad hoc dalla Sezione Investigazioni Scientifiche, del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, che hanno confermato la compatibilità dei congegni rinvenuti durante lo sviluppo dell’inchiesta, con quelli utilizzati in numerosi assalti agli ATM.

Nel corso dell’indagine sono state sequestrate 4 marmotte, contenenti ciascuna quasi mezzo chilo di polvere pirica innescata con miccia, alcune radio ricetrasmittenti e diverso materiale utilizzato per coprire i volti dei malviventi.

Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi, volti a stabilire se il gruppo delinquenziale abbia confezionato o occultato i manufatti esplosivi utilizzati nei più recenti assalti armati ai bancomat.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette