L'onorevole della Lega a Trani dopo la vicenda vaccini-scuola

Vaccini ed esclusione. "Zio Rossano" accompagna i bambini in classe e chiede gelato di fine anno

La dirigente del primo circolo didattico De Amicis ha revocato con effetto immediato la sospensione per il bimbo della famiglia che ha inoltrato già ieri sera documentazione dell'Asl che attesta l'inizio dell'iter procedurale

Attualità
Trani venerdì 18 maggio 2018
di La Redazione
La protesta dei bambini all'esterno della scuola San Paolo
La protesta dei bambini all'esterno della scuola San Paolo © Tranilive.it

Zio Rossano. Così si è presentato al bimbo che alle 9.15 ha accompagnato in classe. L'onorevole della Lega Rossano Sasso questa mattina si è presentato a Trani dopo la vicenda delle esclusioni a causa degli obblighi vaccinali non rispettati da alcuni genitori del plesso San Paolo. Ad inizio mattinata l'intera classe era all'esterno della scuola per solidarietà agli "esclusi" e sono stati fotografati con dei cartelli: "O tutti o nessuno".

L'onorevole Sasso si è presentato a scuola alle ore 8 ed è anche entrato con il tesserino da parlamentare come passepartout, in compagnia di un commissario di Polizia. Ha contattato la dirigente Gasbarro telefonicamente, con la quale ha parlato prima di rilasciare un'intervista. "Il problema è stato risolto con il buon senso, nel rispetto della legge e della sensibilità di tutti. Questa scuola torna ad essere una comunità scolastica tranquilla ma di sicuro questo decreto Lorenzin va rivisto. Qua nessuna famiglia non vuole vaccinare i bambini, ci sono stati problemi burocratici" ha detto l'on. Sasso.

L'onorevole ha chiesto il nome ai bimbi che ha accompagnato in classe ed ha chiesto infine di essere invitato a fine anno per il gelato di classe.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi ha scritto il 18 maggio 2018 alle 10:05 :

    Ma per favore. La dirigente ha fatto il suo lavoro. Questi siparietti ridicoli facciamoli fare a quelli che dovrebbero essere "adulti e vaccinati", ci mettessero la faccia. Rispondi a Luigi