L'ordinanza del sindaco è valida fino al prossimo 7 gennaio

Capodanno, il bis del monito di Rino Negrogno: "Non sparate"

"Quell ragazzo tremava, implorava affinché trovassimo le sue dita e gliele riattaccassimo. Improvvisamente è scoppiato in un pianto irrefrenabile"

Attualità
Trani domenica 31 dicembre 2017
di La Redazione
Manifesto di avviso
Manifesto di avviso © n.c.

In queste ore nella periferia della città i botti non mancano e sono anche parecchio forti. C'è meno vendita abusiva rispetto al passato in giro per la città ma non mancano le esplosioni di vere e proprie bombe. Per questo motivo riproponiamo l'intervento dell'ultima puntata di Alveare a firma di Rino Negrogno.

Lo so, ve lo dico ogni anno, ma non mi stancherò mai di ripeterlo, magari a un paio di persone si ficca nella testaccia e sarebbe per me motivo di grande soddisfazione. Non sparate perché spaventate i neonati e gli ammalati, spaventate gli animali, danneggiate le automobili, rischiate di perdere qualche dito, se non tutta la mano, perché lanciate dalla finestra i vostri soldi, li gettate via così, con un inutile botto; perché è da incivili oltre che da stupidi. Brindate piuttosto, ma senza esagerare, baciatevi sotto il vischio, cantate la strenna, scambiatevi doni, mangiate lenticchie con poco cotechino altrimenti il colesterolo aumenta, melograni e uva, vestite biancheria intima rossa, danzate, divertitevi con amici e parenti.

Quando mi sono precipitato per soccorrere un ragazzo di vent’anni cui l’esplosione di un botto aveva provocato il distacco del pollice e l’indice della mano destra, l’aria era pervasa dagli effluvi caratteristici dell’anno che va via portandosi dietro un po’ della nostra vita, l’asfalto era fumante come un campo di battaglia, le gente se ne stava in silenzio sui balconi sbigottita con il calice tra le mani, un cane con la coda tra le gambe si era fermato ad annusare il sangue sul marciapiede, aveva ritenuto per un attimo di avere giustificati motivi per detestare i botti, in lontananza se ne udivano ancora come dei tuoni che varcano il mare e all’orizzonte ramificano le loro frasche mentre la pioggia bagna madidi viandanti; il ragazzo tremava, implorava affinché trovassimo le sue dita e gliele riattaccassimo. Improvvisamente è scoppiato in un pianto irrefrenabile, gli ho detto di restare calmo e che gli avrei fatto subito un antidolorifico, ma lui singhiozzando ha risposto che non per il dolore piangesse, ma perché preoccupato e non per le dita, che difficilmente avremmo potuto ricucire, i monconi erano lacerati; era disperato per suo padre, per quello che avrebbe detto, per quello che avrebbe provato; né lui né suo padre avrebbero mai immaginato che, in un giorno di festa, sarebbe accaduta proprio a loro una sciagura simile. Tutti, mentre accendono la miccia, pensano che a loro non potrebbe mai accadere.

Così è cominciato il nuovo anno per quel ragazzo. A chi non spara non può accadere. Lo so, ve lo dico ogni anno, ma devo dirlo anche quest’anno e devo aggiungere che più volte lo ripeto e più comincia a non dispiacermi più quando ve la andate a cercare.

Buon anno.

Vi ricordiamo inoltre che l'ordinanza sindacale resta in vigore fino al prossimo 7 gennaio.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette