Attualmente rettore presso il Collegio Leoniano di Anagni. Il patrono di Anagni è San Magno da Trani

Domani l'annuncio del nuovo vescovo: don Leonardo D'Ascenzo

Mons. Pichierri aveva provveduto a comporre una preghiera per il vescovo che avrebbe retto la Diocesi dopo il suo mandato

Attualità
Trani venerdì 03 novembre 2017
di La Redazione
Don Leonardo D'Ascenzo
Don Leonardo D'Ascenzo © n.c.

A mezzogiorno di domani, 4 novembre, suoneranno campane a festa nella Diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e molto probabilmente nella Diocesi di Velletri-Segni, terra d'origine del nuovo pastore diocesano. Già da settimane il suo nome circolava negli ambienti ecclesiali ed il 24 ottobre è stato annunciato dal vaticanista Francesco Antonio Grana sul suo profilo Twitter.

Don Leonardo D'Ascenzo, attuale rettore del Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, domattina dovrebbe essere ufficializzato alle ore 12 come il successore di mons. Giovan Battista Pichierri prematuramente scomparso lo scorso 26 luglio. Una nomina storica per una serie di motivi, tra tutti: don Leonardo sarebbe il vescovo più giovane mai nominato per la nostra diocesi: ha solo 56 anni. La certezza della sua nomina passa anche attraverso l'annuncio sul sito della Diocesi di Velletri-Segni, dove oggi è comparsa una convocazione per il clero locale alle 11.45 presso il Salone della Curia Vescovile per una "comunicazione importante" cui farà seguito un momento conviviale. C'è, quindi, aria di festa anche a Velletri.

La strada di Francesco

La nostra è storicamente una diocesi di "seconda nomina" mentre don Leonardo presterebbe sul nostro territorio per la prima volta servizio con mitria e pastorale. Una nomina che ha tutto il sapore della politica pastorale di Papa Francesco: un sacerdote estraneo alla rete di relazioni locali e originario di un'altra Regione. Don Leonardo prima di essere rettore presso il Collegio Leoniano è stato per anni vicedirettore del Servizio nazionale di Pastorale vocazionale della Conferenza episcopale italiana e durante questo mandato ha preparato gli atti del Congresso Nazionale Vocazionale del 2015 esponendosi spesso sul tema del laicato. Tra le curiosità che legano don Leonardo alla nostra diocesi c'è proprio il patrono della città presso la quale è rettore del Collegio, Anagni: san Magno da Trani.

La sfida della provincia alla curia romana

Nell'estate del 2016, il Collegio Leoniano presso il quale don Leonardo è rettore, si è reso protagonista di una "sfida" lanciata ai seminari delle grandi università cattoliche romane: è stato nominato un laico come direttore dell'Istituto Teologico Leoniano. Un segnale di apertura e rinnovamento della chiesa sostenuto dall’arcivescovo di Gaeta, i vescovi di Latina, di Palestrina, di Albano, di Velletri – Segni, di Frosinone – Ferentino, di Sora – Cassino – Aquino, di Anagni – Alatri, di Tivoli, della diocesi suburbicaria di Porto e Santa Rufina, di Frascati, di Sabina Poggio Mirteto. Don Leonardo ha lavorato così al fianco del professor Filippo Carcione. Una sfida di tipo dottrinale e sociale, i vescovi hanno dato concretamente seguito ai principi delle encicliche Gaudium et Spes e Lumen Gentium. Promozione del laicato per una sana contaminazione.

La santità e educare alla Bellezza

Don Leonardo sino ad ora non si è esposto in merito alle voci trapelate. Tra i suoi interventi abbiamo recuperato quelli del periodo pasquale dello scorso anno, in cui rivolgendosi agli animatori delle Caritas sottolineava: "Un vero animatore attraversa la fase di Narciso, perché sa guardare con gli occhi del cuore verso le necessità dell’altro, e la fase di Cenerentola anche se essa riesce a sognare un futuro regale perché il suo sguardo è capace di riconoscere l’altro, per possedere uno sguardo che permette di accogliere e di esprimere la realtà regale presente in ogni persona. A questo punto si può approdare alla vera conoscenza del Cristo crocifisso che dona la sua vita gratuitamente per gli altri fino a morire per la salvezza di ciascuno. Passare quindi da un cuore di pietra ad un cuore di carne crocifisso che renda l’animatore in grado di operare ma anche di restituire a chi incontra la bellezza del volto di Dio e la sua dignità di creatura redenta, nonostante la povertà".

La preghiera di Pichierri per il successore

Mons. Pichierri aveva provveduto a comporre una preghiera per il vescovo che avrebbe retto la Diocesi dopo il suo mandato. «Donaci Signore, nella continuità della successione apostolica, il padre che ci indica la tua presenza di fratello, di amico, di pastore che dona la sua vita per il gregge.
Ti ringraziamo per i pastori che ci hai donato. Attendiamo con gioia il pastore che vorrai donarci secondo il tuo cuore».

Domattina il clero diocesano sarà convocato da mons. Giuseppe Pavone e successivamente ci sarà l'ufficialità da parte dell'Ufficio Stampa, solo dopo l'annuncio della Sala Stampa Vaticana.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette