Proposte in Consiglio

Il Comitato Rifiuti Zero chiede al Consiglio di esprimersi sulla Strategia da loro promossa

Secondo "richiamo" del Comitato. Il primo, durante l'amministrazione Riserbato, nel 2014

Cronaca
Trani giovedì 14 gennaio 2016
di Redazione
La cartolina del Coordinamento rifiuti zero © n.c.

Secondo richiamo all'ordine con la proposta di delibera per il Consiglio Comunale per l'adesione alla strategia "Rifiuti Zero". La proposta è stata protocollata dal Comitato Rifiuti Zero e lo comunicano alla stampa Anna Rossi e Teresa De Vito, firmatarie del comunicato. «La proposta è stata indirizzata al Sindaco, che già in campagna elettorale aveva promesso che l’avrebbe fatta propria, al Presidente del Consiglio Comunale e a tutti i capigruppo presenti nell’assise. Auspichiamo che tale proposta venga presentata e discussa dal Consiglio Comunale con la serietà e l’attenzione che merita».

La Strategia Rifiuti Zero propone un modo completamente nuovo e moderno di affrontare il problema dei rifiuti vedendo in questi non solo un problema ma anche una risorsa; partendo dalla raccolta differenziata spinta si arriva ad un recupero progressivo della materia che, tramite moderne tecnologie, può essere riutilizzata in percentuali elevatissime; ciò riduce drasticamente  fin quasi ad eliminarlo, l’uso di discariche o impianti ormai obsoleti e pericolosissimi come gli inceneritori.

«In una città con un discarica responsabile di un disastro ambientale in atto, dunque,  la Strategia Rifiuti Zero, è a tutt’oggi, l’unica strada concreta che possiamo seguire per uscire da quel dramma comunemente chiamato “emergenza rifiuti”. Nella politica dei rifiuti, nel nostro comune, come in tutta la Puglia, in realtà non si dovrebbe parlare di emergenza, ma piuttosto di incapacità e inadempienze che negli anni hanno portato quasi tutte le discariche al collasso e al sequestro, con danni ambientali pesantissimi e città al degrado. Se si fosse avuta una visione meno miope del problema, se si fosse pianificato guardando alle nuove politiche e alle moderne tecnologie che altre comunità mettevano in campo, tutto questo si sarebbe potuto evitare».

La prima "richiesta" del Comitato risale al 2014  ma all'epoca «diversi esponenti della maggioranza, che oggi siedono tra i banchi dell’opposizione e urla al disastro ambientale, ritennero di dover stravolgere la nostra proposta fino a farla diventare un contenitore vuoto su cui lasciarono solo l’etichetta, per poi farla decadere del tutto. Oggi a Trani si parla di raccolta domiciliare estesa a tutta la città, e auspichiamo che si faccia davvero, e soprattutto che questa venga inserita in una politica più oculata di tutto il ciclo dei rifiuti».

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette